I fichi di Cosenza conquistano la DOP

I fichi di Cosenza conquistano la DOP

L’Italia ingrandisce il proprio medagliere agroalimentare. I registri europei dedicati alle produzioni d’eccellenza accolgono i Fichi di Cosenza DOP, numero 1031 nella lista di DOP ed IGP del
Belpaese.

La denominazione protegge i frutti essicati del fico domestico “Ficus carica sativa” (domestica L.), appartenenti alla varietà “Dottato” (o “Ottato”).

Tradizionalmente, tale prodotto arriva da poche zone della provincia di Cosenza. Il ficu siccati o ficu janchi nasce con una buccia verde paglia. Poi i contadini lo raccolgono e
lo sottopongono ad essiccazione, esponendo al sole o inserendolo in serre.

A processo finito, il fico di Cosenza unisce un sapore gradevole (dolce-mielato) alla facilità di conservazione. Il ficu seccati è parte della cultura locale: il momento della
raccolta (10 agosto-10 ottobre) veniva sentito come un azione collettiva, mentre il frutto pronto diventava materia per i cuochi, che lo usavano  (e lo usano  ancora) per diverse
pietanze e creazioni.

FONTE: Nexta

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento