I laghi non sono un bene privato ma un bene comune della collettività

I laghi non sono un bene privato ma un bene comune della collettività

La vicenda originava nel 2012, quando la Provincia di Treviso aveva deliberato, su richiesta dei Comuni di Revine Lago e di Tarzo in seguito ad alcuni episodi, di “porre in essere i comportamenti di natura legale e materiale finalizzati a far valere la natura demaniale dei laghi di Revine e ad impedire la sottrazione dei laghi stessi all’uso collettivo attuale o potenziale” ed avevamo inviato un parere legale ai Comuni. Dopo la delibera della Giunta Provinciale i proprietari interessati dal provvedimenti, riuniti nell’associazione I Nostri Laghi, avevano fatto ricorso.

Oggi quindi il verdetto del Tribunale delle Acque Pubbliche che ha respinto il ricordo, dichiarando che i laghi sono beni demaniali e condannando i privati a pagare le spese processuali alla Provincia per un totale di 5.400 euro.

“I laghi di Revine Lago e di Tarzo sono un bene pubblico, della collettività, sono un bene demaniale – spiega Leonardo Muraro, presidente della Provincia di Treviso – la sentenza del Tribunale lo dimostra. La Provincia aveva voluto subito rispondere alle istanze dei Comuni prospicenti i laghi, per fare in modo che in una delle più belle zone turistiche della Marca Trevigiana, non ci fossero dubbi in merito all’uso pubblico dei laghi. Non è un’azione contro qualcuno, anzi, spero che in questo modo si metta fine alle diatribe che sorgevano quando si organizzavano manifestazioni di carattere promozionale turistico per il territorio”.

Redazione Newsfood.com

Leggi Anche
Scrivi un commento