Cercare di distinguersi su un’applicazione con oltre 800 milioni di utenti mensili non è un compito facile. E nell’ambito del food lo è ancora di più visto la presenza di miriadi account da parte di chef, scuole di cucina, foodblogger, amatori e chi più ne ha più ne metta.
Ma seguendo alcuni accorgimenti sull’utilizzo corretto degli hashtag potrai riuscire anche tu a farti notare.

Qui di seguito troverai alcuni trucchi da seguire per soddisfare il nuovo algoritmo di Instagram

e quindi avere più successo sul social network, stilati prendendo spunto dai suggerimenti forniti da Adweek.

7 TRUCCHI DA SEGUIRE PER SPOPOLARE NEL MONDO DELL’INSTAGRAM FOOD

1) Utilizza gli hashtag per il tema food più popolari:
Qui di seguito trovi la lista degli hashtag più popolari nel mondo della cucina, ovviamente tra questi non potevano mancare gli essenziali hashtag cibo e hashtag food.

#cibo
#cooking
#cucina
#food
#foodaddict
#foodart
#foodblog
#foodblogger
#foodgasm
#foodie
#foodism
#foodlover
#foodpic
#foodpics
#foodporn
#foods
#foodstyling
#fresh
#delicious
#eat
#eating
#fashionfood
#breakfast
#dinner
#dessert

2)Aggiungi gli hashtag nelle storie Instagram
Usando gli hashtag all’interno delle tue storie, dai ai tuoi contenuti un altro modo per essere scoperti da un nuovo pubblico.
Se non lo sapevi, la maggior parte delle geo-locazioni e degli hashtag di Instagram hanno le proprie storie allegate. Sebbene si tratti di una funzione sottoutilizzata, puoi aspettarti che diventi popolare man mano che gli utenti diventano più a loro agio con la creazione di storie Instagram.
Gli utenti di Instagram possono aggiungere hashtag alle loro storie utilizzando l’adesivo hashtag o digitandoli con lo strumento di testo.

3) Non eccedere con gli hashtag, al massimo mettine 10:
l’algoritmo di Instagram favorisce i post con un elevato coinvolgimento, il che significa che più like e commenti ricevono i tuoi post, più persone vedranno il tuo post. I post su Instagram con almeno un hashtag hanno un coinvolgimento del 12,6% in più rispetto a quelli senza. E anche se ogni post Instagram consente fino a 30 hashtag, la ricerca sull’argomento suggerisce che il numero ottimale di hashtag è inferiore a 10 per post. Prima per avere visibilità era sufficiente inserire 20-30 hashtag, ma ora con le nuove regole è opportuno non superare i 10 hashtag per post.

4) Utilizza hashtag di media popolarità:
con il nuovo algoritmo Instagram le regole sono cambiate, non è più efficace utilizzare hashtag super popolari ma è bene optare per hashtag di media popolarità.

5) Fai attenzione a selezionare hashtag molto inerenti al post che andrai a pubblicare
Instagram ha esteso la possibilità di seguire gli hashtag lo scorso dicembre, il che significa che, invece di dover scorrere un feed per scoprire i contenuti taggati, i tuoi post potrebbero essere visualizzati automaticamente nei feed di potenziali nuovi follower.

D’altro canto, gli utenti hanno anche il potere di contrassegnare il contenuto hashtag come qualcosa che non vogliono vedere.

Una volta che gli utenti stanno seguendo hashtag specifici e i post suggeriti iniziano a essere visualizzati nei loro feed, essi avranno la possibilità di selezionare un’opzione “Non mostrare per questo hashtag” per contrassegnare il contenuto che non è interessante o rilevante per loro.

Anche se questa nuova funzione è stata creata per dire all’algoritmo di Instagram quale tipo di contenuti piacciono agli utenti, avere troppi dei tuoi post contrassegnati da “Non mostrare per questo hashtag” potrebbe potenzialmente generare una bandiera rossa sul tuo account e avere un impatto negativo sugli altri contenuti. Quindi assicurati di includere solo hashtag pertinenti sul tuo post di Instagram o potresti correre il rischio di perdere il coinvolgimento.

6) Non usare sempre i soliti hashtag, ma sperimentane sempre di nuovi
Il modo migliore per vedere se una cosa funziona è testarla, quindi è bene provare sempre nuovi hashtag per vedere quali di questi hanno più successo in un dato periodo. E’ probabile che l’efficacia di un hashtag cambi spesso nel tempo è quindi è bene variare sempre.

7) Sfrutta i vantaggi dell’hashtag di brand
È importante notare che ci sono due tipi principali di hashtag di Instagram: hashtag di brand e di community. Comprendere queste differenze ti aiuterà a determinare quali hashtag dovresti incorporare nella tua strategia di pubblicazione.
Gli hashtag con marchio sono specifici per la tua attività. Potrebbero contenere il tuo marchio, i tuoi prodotti o una campagna specifica. Creare un hashtag di marca accattivante e memorabile renderà gli utenti entusiasti di condividerlo. Gli hashtag con marchio sono anche un ottimo modo per iniziare una conversazione sulla tua attività o raccogliere contenuti generati dagli utenti da ripubblicare sul tuo feed.

 


About #Hashtag

Un hashtag è un tipo di etichetta (tag) utilizzato su alcuni servizi web e social network come aggregatore tematico, la sua funzione è di rendere più facile per gli utenti trovare messaggi su un tema o contenuto specifico. Il termine hashtag può anche fare riferimento al simbolo cancelletto stesso, quando usato nel contesto di un hashtag.

L’hashtag, in un servizio che lo supporta, può essere creato da un utente inserendo il carattere cancelletto # davanti ad una parola o una frase del testo principale di un messaggio. La parola può essere composta da lettere, cifre e sottolineature ma senza spazi e caratteri speciali. Successivamente la ricerca di quel hashtag restituirà tutti i messaggi che sono stati etichettati con esso… (leggi tutto)


Redazione Newsfood.com
Area SEO

Contatti