I numeri di Terra Madre Salone del Gusto 2018 by Newsfood.com

I numeri di Terra Madre Salone del Gusto 2018 by Newsfood.com

 

 

Rassegna stampa sempre aggiornata su Terra Madre – Salone del Gusto (clicca qui)

Terra Madre Salone del Gusto, diamo spazio a qualche numero
Testo e foto: Maurizio Ceccaioni

Come da tradizione, anche l’edizione 2018 nella prima giornata era partita con una scarsa affluenza di visitatori, cresciuti man mano durante le cinque giornate di apertura, tanto che – dalle prime stime fatte a caldo – avrebbe coinvolto circa un milione di visitatori.

Visitatori nei padiglioni di Terra Madre

Dall’organizzazione arrivano i primi dati ufficiali, che parlano di 900 espositori provenienti da 100 paesi; 1000 Comunità del cibo presenti, con 170 Presìdi italiani e 140 internazionali.

Settemila i delegati arrivati da 143 paesi, di cui 1200 ospitati in famiglie o aziende a conduzione familiare. Mille pure i volontari che si sono avvicendati nelle 5 giornate, molti dei quali ospitati da 150 famiglie, con 850 posti letto messi a disposizione nelle oltre 40 città di Terra Madre.

Da quanto rilevato da un’indagine interna, pare che più del 90% delle famiglie ospitanti ha mantenuto contatti con le persone accolte nelle precedenti edizioni e il 95% circa è soddisfatto dell’esperienza dal punto di vista relazionale, anche se solo l’85% pensa di ripeterla in futuro.

 

Scolaresca in visita a Terra Madre Salone del Gusto

Mille le etichette di vino presenti in enoteca e 45 i produttori di birra “slow” arrivati da tutta Italia, scelti tra quelli presenti nella’ Guida alle birre 2019’ (Slow Food Editore), con oltre 250 tipi di produzioni a bassa e alta fermentazione.

Tanti i Laboratori del Gusto e gli appuntamenti a tavola, con i 70 chef/cuochi che ai fornelli negli eventi del programma ufficiale, hanno presentato i loro piatti. Oltre ai 60, che hanno preparato da mangiare per migliaia di persone, nella grande mensa dell’Oval o nelle altre cucine di Terra Madre.

Ma si è mangiato “cibo da passeggio” e bevuto anche in Piazza Castello, dove tutti i giorni fino alle 24 hanno stazionato 16 food truck con prodotti gastronomici dal Nord al Sud Italia.

Stand espositivo Bottarga di muggine

Debutto di 6  nuovi Presìdi Slow Food dall’estero (Africa, Europa e Americhe) e 22 nuovi Presìdi italiani, con 8 Regioni (Piemonte, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Toscana, Marche, Campania, Puglia e Sicilia), che hanno presentato una nuova ricchezza da tutelare.

Anche gli eventi programmati hanno visto una grande partecipazione di pubblico: 5000 le presenze alle conferenze nel Teatro Carignano; 1800 bambini e genitori di 50 classi, coinvolti nelle 180 attività di educazione al Borgo Medievale.

Il tutto esaurito negli appuntamenti su prenotazione, con circa il 60% degli acquisti fatti da visitatori stranieri; circa 1000 gli eventi organizzati da Slow Food, sponsor, espositori e altri soggetti presenti sul territorio (musei cittadini, associazioni di quartiere eccetera) e oltre 1600 incontri B2B (Business-to-business), nello spazio Food Mood in Piazzale Valdo Fusi.

 

Patate della Valle D’Aosta

Per quanto riguarda la sostenibilità ambientale, si sono recuperate 2 tonnellate di derrate alimentari per un controvalore di 8mila euro, donate ai più bisognosi; c’è stato un + 48,7% rispetto al 2016 nell’uso della metropolitana, con punte del +102,3% sabato e la domenica; la raccolta differenziata dei rifiuti è stata di oltre il 70% e grazie all’uso degli erogatori dell’acqua, si sono risparmiate circa 102mila bottigliette di plastica da mezzo litro.

Per quanto riguarda la copertura mediatica dell’evento, si sono accreditati 892 giornalisti, di cui 568 nazionali e 324 internazionali. Le testate internazionali (da 54 paesi compresa Italia) che hanno parlato dell’evento sono state 1284.
Più di 1500 le uscite sui media italiani (carta stampata, web, radio e tv) e 415 quelle internazionali; 400mila utenti si sono collegati sul sito con 616mila sessioni e 1,9 milioni di visualizzazioni di pagina.

 

Testi e foto di
Maurizio Ceccaioni
per Newsfood.com

Related Posts
Leave a reply