Il cibo cotto alla brace non solo è molto saporito, ma è anche più digeribile. A patto però di non bruciacchiare gli alimenti, perché, in quel caso, potrebbe
causare danni. Le parti bruciacchiate infatti sono dannose all’organismo perché le proteine della carne e del pesce, riscaldate oltre i 100°, producono idrocarburi policiclici, che
possono diventare cancerogeni. E allora cosa fare se gli alimenti si bruciano un po’? Niente paura. Innanzitutto, eliminate la parte bruciata, poi abbinate dei cibi “protettivi”; ad esempio,
consumate, all’interno dello stesso pasto, verdure e frutta ricche di vitamina C, che contrasta i radicali liberi e protegge dalle sostanze dannose, oppure pane integrale che velocizza il
transito intestinale evitando che il cibo ingerito stia troppo tempo a contatto con le pareti intestinali.

Come ottenere un barbecue perfetto
Ecco qualche consiglio per avere un barbecue perfetto, sia dal punto di vista dell’igiene, che del sapore e della manutenzione:
• mantenete sempre pulita la griglia, sottoponendola a temperature molto alte e spazzolandola con una spazzola a setole metalliche, in modo che vengano eliminati tutti i resti della
cottura;
• ponete il barbecue in un posto lontano da muri, alberi, piante e al riparo dal vento;
• evitate che si avvicinino bambini o animali domestici;
• accendete il fuoco un’ora prima di cuocere gli alimenti, così si avrà tutto il tempo di far formare le braci;
• grigliate prima i cibi che possono essere consumati anche freddi e poi quelli che invece vanno serviti caldi;
• evitate che gli alimenti da cuocere siano appena usciti dal frigo; la temperatura troppo bassa potrebbe far calare anche la temperatura delle braci;
• assicuratevi che la temperatura della brace sia giusta per evitare che i succhi della carne e del pesce si asciughino; per lo stesso motivo evitate di infilzarli con forchettoni, ma
utilizzate magari delle palette di legno;
• per rendere più gustosi i cibi grigliati, marinateli prima di cuocerli, ma fate attenzione a non far colare il condimento sulle braci, perché questo provocherebbe un odore
sgradevole ed alzerebbe la fiamma;
• finita la cottura, alzate la temperatura del barbecue per passare alla pulizia della griglia;
• eliminate la carbonella dal barbecue, poiché può corroderlo;
• fate raffreddare per due ore circa, poi ripulite dal grasso tutti gli elementi;
• se dovete metterlo via per la stagione prossima, ricordate di pulirlo bene, di ungere le parti a rischio ruggine e di coprirlo, soprattutto se lo lasciate alle intemperie, con un telo
cerato.

Come cucinare gli alimenti
Ogni alimento ha uno o più trucchi per essere cotto al meglio. Vediamoli insieme:
• la verdura va posta sui lati, dove la temperatura non è al massimo. Zucchine, melanzane, funghi, peperoni vanno tagliati e messi a marinare, in modo che la cottura sia veloce ed
uniforme;
• la bruschetta va tagliata a fette di circa 2 cm. e posta sui lati, la parte meno calda; la cottura è ultimata quando si formano le caratteristiche strisce nere, allora potete
toglierla e condirla con aglio, olio e pomodori;
• il pesce va pulito, lavato ed asciugato bene, ma non squamato;
• per rendere il pesce più gustoso, è possibile marinarlo in olio ed erbe aromatiche;
• per cuocere il pollame, spennellatelo prima con una marinatura per evitare che si asciughi troppo;
• non girate troppo spesso né provate a staccare dalla griglia troppo presto il pollame per evitare che la carne si sfilacci dopo la cottura;
• preferite sempre petto e coscia, cucinando il primo per circa una decina di minuti dopo averlo ben spennellato e la seconda con tutta la pelle, in modo che si mantenga morbida;
• non utilizzate carni troppo magre per quel che riguarda le carni rosse, che si seccano facilmente e rapidamente;
• non toglietene il grasso prima di cuocerla, perché la sua presenza garantisce una certa morbidezza all’alimento;
• togliete la bistecca almeno un’ora prima dal frigo;
• ponete la griglia ad un’altezza proporzionale allo spessore della fetta di carne: più spessa è la fetta, più in alto va la griglia;
• per non far arricciare la fetta di carne, incidente i bordi.

www.paginemediche.it