I Vaccini saranno pronti in autunno. Già compilate le liste di priorità

I Vaccini saranno pronti in autunno. Già compilate le liste di priorità

Gli addetti ai lavori si stanno muovendo per fronteggiare al meglio l’ influenza suina.

Questo è quanto emerge dalle dichiarazioni di Stefania Salmaso, direttrice del reparto di epidemiologia dell’Istituto Superiore di Sanità (Iss).

In particolare, la Salmaso sottolinea come “I vaccini contro la pandemia di influenza da virus A/H1N1 cominceranno ad essere disponibili dall’autunno. (I vaccini antipandemici) sono allo
studio già dal 2004, poiché l’eventualità di una pandemia era attesa.

Alcuni hanno già ottenuto la registrazione presso l’ente europeo per i farmaci Emea e per essi sono in corso le valutazioni in merito a questo specifico virus influenzale. Altri
vaccini sono in produzione adattati al virus H1N1″.

L’epidemiologa precisa inoltre come, allo stato attuale della ricerca, la validità del vaccino non è ancora garantita totalmente.

Se infatti sono test su adulti ed anziani sono già stati effettuati, non sono ancora stati verificati possibili effetti collaterali su bambini e donne in gravidanza.

Sul tema vaccini l’ OMS ha indicato le sue linee guida, elaborate con l’ aiuto del SAGE (Strategy advisory group of experts).

Pur ammettendo che lo sviluppo della pandemia può portare a misure personalizzate per il singolo Paese, L’ Organizzazione Mondiale della Sanità consiglia un protocollo d’azione
(semi) fisso.

Si inizierà vaccinando operatori sanitari e sociali, in modo da consentire il funzionamento della macchina statale e medica; poi si passerà alle categorie a rischio.

A riguardo, gli esperti dell’ Organizzazione suggeriscono il seguente ordine: donne in gravidanza; soggetti con patologia cronica da almeno 6 mesi; giovani adulti sani tra i 15 e i 49 anni;
bambini sani; soggetti adulti tra i 50 e i 64 anni; adulti sani; adulti sopra i 65 anni.

Riguardo all’ Italia, l’ obiettivo dichiarato è vaccinare il 40% della popolazione: 8,6 mln di italiani, tra le categorie più a rischio, verranno vaccinati entro la fine
dell’anno.

Matteo Clerici

Related Posts
Leave a reply