Oltre 55.000 studenti di tutte le scuole del Piemonte saranno coinvolti mercoledì 14 marzo nella 5a. edizione di “Donacibo“, la raccolta alimentare curata dai Banchi di
Solidarietà (Associazione AltroCanto e Centro di solidarietà della Compagnia delle Opere), in collaborazione con il Banco Alimentare del Piemonte e con il patrocinio e il
contributo della Regione Piemonte.
Nei mesi scorsi trenta volontari hanno visitato le scuole aderenti ai progetti educativi FormicAmica, Cibo Amico e Il Banco va nelle scuole, totalizzando centinaia di ore di interventi
didattici in 2.125 classi. In Piemonte, la colletta alimentare coinvolge 341 scuole dell’infanzia, primarie e secondarie (166 in provincia di Torino 166, 96 a Cuneo, 13 a Novara, 3 ad Asti, 12
a Vercelli, 16 a Biella), oltre a 35 istituti superiori di Torino, Novara e Cuneo. Lo scopo è di raccogliere alimenti non deperibili, quali confezioni di carne e tonno in scatola, olio,
pelati e legumi, caffè, biscotti e zucchero, che verranno convogliati al magazzino più vicino al Banco Alimentare per essere poi essere distribuiti agli enti di assistenza.
Lo scorso anno furono coinvolte 250 scuole con 43.981 alunni e raccolti 51.275 kg di generi alimentari, registrando una netta crescita rispetto alle edizioni precedenti.
L’associazione Altrocanto, fondata nel 2004 da una sensibilità maturata condividendo l’opera del Banco Alimentare del Piemonte, lavora da tempo con una serie di azioni educative per far
crescere nella cultura della carità e del dono di sé: con FormicAmica nelle scuole dell’infanzia e Cibo Amico nelle superiori vuole sensibilizzare sulle problematiche connesse
all’alimentazione, allo sviluppo del volontariato, all’esercizio della solidarietà, coniugando i problemi legati alle nuove povertà con il fenomeno dello spreco e proponendo il
gesto della Colletta Alimentare, per far crescere la coscienza dell’io mettendo in gioco tutta la persona. Ha inoltre già organizzato due manifestazioni legate a questi progetti:
“Formiche in festa a Collegno”, venerdì 11 maggio presso la scuola Gianni Rodari, e “Formiche in Festa a Bra”, sabato 19 maggio presso il Salone del Libro per Ragazzi. E ancora Carrello
Amico, per la raccolta e il riconfezionamento degli alimenti invenduti negli ipermercati della cintura Ovest di Torino.
“Iniziative come questa – sottolinea l’assessore regionale all’Istruzione e Formazione professionale, Gianna Pentenero – contribuiscono a creare una scuola del �fare’,
che organizza e condivide con il territorio occasioni concrete, per contribuire a creare la solidarietà di gruppo e promuovere tra i ragazzi il senso della responsabilità
sociale”. “È impressionante vedere quante iniziative sono nate dalla storia del Banco Alimentare – osserva il presidente Roberto Cena – Perseguendo lo scopo di dare un sostegno alle
persone indigenti e alle famiglie in difficoltà economica si è avviata da alcuni anni un’azione educativa nei confronti dei giovani per farli crescere nella cultura della
carità come dono del sé e della solidarietà”.

www.novionline.net