Roma, 3 Luglio 2007 – “Chi vive in baracca, chi suda il salario chi ama l’amore…”
Cantava così Rino Gaetano in una delle sue più celebri canzoni, quella che da il titolo alla fiction “Rino Gaetano, ma il cielo è sempre più blu”, dedicata al
cantante romano scomparso nel 1980 e proiettata ieri in anteprima al Roma Fiction Fest.

La fiction in due puntate, protagonisti Laura Chiatti e Claudio Santamaria, che sarà trasmessa in autunno, è stata il piatto forte della prima giornata del Roma Fiction Fest,
partito “alla grande” con un’affollatissima lezione di Andrea Camilleri tenuta al cinema Adriano e con l’assegnazione in serata allo stesso Camilleri da parte del presidente Marrazzo del
“Maximum forever award”.

Il premio alla carriera, consegnato allo scrittore siciliano durante la cerimonia di apertura del Roma Fiction Festival svoltasi all’Auditorium della Conciliazione, sottolinea la ricchezza di
un percorso quarantennale e la presenza di una “risorsa inesauribile per la fiction italiana”.

Il presidente Marrazzo ha poi ricordato il fondamentale apporto dei lavoratori del settore cinematografico e ha dedicato loro questi giorni di festa: “So che lavorano decine di migliaia di
persone nel settore della fiction e dell’audiovisivo nella Regione Lazio e a Roma. Da presidente della Regione voglio dire che questo festival è dedicato soprattutto a coloro che con il
loro lavoro e la loro fatica hanno messo un pezzo della loro vita nello sviluppo di questo settore professionale”.

Alla serata erano presenti anche Felice Laudadio, direttore artistico della manifestazione, Nancy Brilli, madrina della serata e Jaqueline Bisset che ha ricevuto un premio alla carriera, oltre
a Ninetto Davoli, Laura Chiatti, Claudio Santamaria, Kasia Smutniak, Rosita Celentano.

www.regione.lazio.it