Nascerà a pochi chilometri da Foggia, nella zona industriale della città, il nuovo mega impianto produttivo dell’azienda Ar Industrie Alimentari Spa (con sede ad Angri e cinque
impianti produttivi in Campania), da quarant’anni il più importante gruppo privato nel settore delle conserve alimentari in Italia ed uno dei maggiori a livello mondiale.
Il nuovo stabilimento, il più grande del Mezzogiorno, occuperà, tra dipendenti diretti e indiretti, oltre 500 unità, coprirà un’area di oltre 500 mila metri quadrati
e, una volta a regime, permetterà di trasformare 10 mila tonnellate di pomodori freschi al giorno.
Un investimento importante, voluto dall’ azienda capitanata dall’imprenditore Antonino Russo, che punta al rilancio dell’agroalimentare e che offre una maggiore garanzia ai consumatori,
assicurata da processi tecnologici di primissimo livello.
Il moderno impianto, infatti, si distingue anche per innovazione. Le fasi di produzione verranno, quindi, continuamente monitorate da computer, mentre avanzate macchine a raggi X permetteranno
di “leggere” attraverso il prodotto per evitare la presenza di corpi estranei.
La scelta di localizzare il nuovo impianto produttivo a Foggia è stata dettata anche dall’esigenza di garantire un’elevata qualità del prodotto finito. Infatti, i pomodori
raccolti nei campi pugliesi saranno trasformati in loco assicurando un alto livello di freschezza delle conserve.
Nelle strategie di espansione del gruppo campano, si aggiunge anche il restyling del marchio storico di famiglia,”Russo”, che si presenta con una nuova etichetta dall’elegante sfondo nero-oro.
Il marchio accompagnerà non solo le conserve, ma anche verdure in scatola, succhi di frutta, sughi pronti e altri prodotti alimentari. Attualmente, il gruppo Ar, che conta anche due
stabilimenti in Africa, è presente in tutti i mercati mondiali, dagli Stati Uniti al Giappone.
Il Regno Unito, in particolare, rappresenta uno dei mercati di riferimento per l’azienda che con il marchio “Napolina” è leader incontrastata nel settore “top quality”.

www.denaro.it