Il maschio ideale del 2010

Il maschio ideale del 2010

Quale è il maschio ideale del 2010? Secondo Stefano Benemeglio, padre dell’Ipnosi Dinamica (www.ipnosibenemeglio.com) e fondatore dell’Accademia Internazionale delle Discipline Analogiche
(www.accademianalogica.com), se fino a poco tempo fa il maschio ideale era quello che non doveva chiedere mai, oggi si impone un nuovo stile: quello del «maschio sentimentale», un
uomo che sa ascoltare e che ama le coccole.

Nel 2010 il modello da seguire è George Clooney: insomma un maschio un po’ pigro e meno aggressivo. Mentre è fuori moda la virilità in mostra, i modi bruschi e
l’atteggiamento da dominatore. Insomma è definitivamente chiusa l’era del machismo, irrimediabilmente out il rude maschio latino. Oggi neppure il maschio MetroSexual, termine coniato nel
1994 dal giornalista britannico Mark Simpson per definire un uomo ossessionato dalla moda e dal look, tipologia ben rappresentata dal calciatore David Beckham o dall’attore Jude Law, fa
più tendenza così come non la fa il suo alter ego che ha dominato nel 2009: l’HeteroPolitan, caratterizzato da un fisico da macho e da modi da bravo ragazzo.

L’evoluzione del maschio metropolitano conosce oggi l’avvento del «maschio sentimentale»: un uomo nuovo, passionale, virile, caratterizzato da eleganza e stile, che coltiva interessi
intellettuali e rapporti umani, che è sicuro di sé ma non supponente. È virile, elegante e deciso a ottenere la qualità in ogni sfera della vita. Questa è la
definizione che ne da Stefano Benemeglio, illustrando come siamo oggi di fronte ad un processo che sta portando uomo e donna ad avvicinarsi e a scambiarsi i ruoli. «Con un uomo che sa
comunicare sempre meglio con le donne e soprattutto ascoltarle, che pensa alla famiglia, alle coccole e perfino alle faccende di casa. Un uomo che non si sente meno maschio solo perché
sente il bisogno di coccolare il partner» sostiene Stefano Benemeglio.

I tempi cambiano e anche i maschi evolvono. Un po’ vecchio stile, il «maschio sentimentale» non perde occasione per affermare senza tentennamenti la sua eterosessualità.
È interessato alla politica e al mondo degli affari, è pragmatico e conserva un atteggiamento critico nei confronti della vita. «Ma è anche vero che il “maschio
sentimentale” si sente un po’ insicuro» puntualizza Stefano Benemeglio. Così un numero sempre maggiore di uomini ricorre all’aiuto dell’ipnosi per superare le difficoltà
nel sesso, ma anche nelle relazioni personali, nell’amore e nel lavoro.

Related Posts
Leave a reply