Il paracetamolo stimola l’asma negli adolescenti

Il paracetamolo stimola l’asma negli adolescenti

Gli adolescenti che fanno uso di paracetamolo vedono aumentare di 2,5 volte il rischio di asma.

Questa la conclusione di una ricerca dell’Istituto di ricerca medica (Nuova Zelanda), diretta dal professor Richard Beasely e pubblicata sul “American Journal of Respiratory and Critical Care
Medicine”.

Gli esperti hanno esaminato la situazione di 300.000 ragazzi, d’età compresa tra i 13 ed i 14 anni e residenti in 50 Paesi. Tale verifica ha evidenziato come coloro che avevano assunto
paracetamolo mostravano una probabilità di sviluppare l’asma superiore di 2,5 volte rispetto a chi non faceva uso del prodotto.

Riguardo alle spiegazioni, massima prudenza: gli studiosi fanno notare come non è nemmeno certo che il paracetamolo sia la causa principale di asma, ma anche di eczema e riniti
allergiche. Tuttavia tale legame è estremamente probabile e, per il team dell’Istituto di ricerca, dovuto alla capacità del farmaco di danneggiare il sistema immunitario,
provocando infiammazioni alle vie aeree.

Allora, consiglia il professor Beasely, ridurre il paracetamolo è il primo passo per ridurre i problemi presi in questione.

Conclude il docente: “Ora sono urgentemente necessari controlli randomizzati per indagare su questa relazione e gestire al meglio l’uso di antipiretici, non solo nei bambini ma anche nelle
donne incinte e negli adulti”.

Fonte: Richard W Beasley, Tadd O Clayton, Julian Crane, Christopher K.W. Lai, Stephen R Montefort, Erika von Mutius, Alistair W Stewart, and the ISAAC Phase Three Study Group,
“Acetaminophen Use and Risk of Asthma, Rhinoconjunctivitis and Eczema in Adolescents: ISAAC Phase Three”, Am. J. Respir. Crit. Care Med. 2010; published ahead of print on August 13, 2010 as
doi:10.1164/rccm.201005-0757OC.

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Related Posts
Leave a reply