Il Parmigiano-Reggiano potrebbe entrare nel Guinness dei primati, e non per quelle proprietà che lo indicano come il «re dei formaggi», ma per un’iniziativa alquanto
singolare che il 12 aprile sarà tentata dalla Whole Foods Market, la catena statunitense leader nel mondo nella distribuzione di prodotti biologici e naturali e prima, negli Usa, per
numero di drogherie.

Nei 270 supermarket con i quali l’azienda (53.000 dipendenti e 6,6 miliardi di dollari di vendite) è presente in Usa, Canada e Regno Unito, saranno contemporaneamente aperte con cinque
coltelli diversi (forniti dal Consorzio di tutela e in uso nei 437 caseifici aderenti) altrettante forme di Parmigiano-Reggiano stagionato 24 mesi; il tutto in mezz’ora e sotto la vigilanza dei
giudici ufficiali del Guinness World Record, autorità universalmente riconosciuta per certificare quei records che annualmente vengono pubblicati in un libro che dal 1955 è uno
tra i più venduti al mondo.

«Siamo ovviamente orgogliosi di questa originale impresa – sottolinea il presidente del Consorzio, Giuseppe Alai – soprattutto perché messa in atto da una catena ben nota per le
sue rigorose scelte di alimenti naturali d’eccellenza e per questo da tempo molto legata al Parmigiano-Reggiano». «Ogni anno – spiega Alai – i buyers di Whole Foods Market arrivano
nel nostro comprensorio di produzione e selezionano le forme da inserire nella loro catena in base ai migliori profili organolettici; conoscono personalmente i produttori, e nei caseifici
individuati scelgono il formaggio e seguono direttamente la stagionatura per due anni».

«In un mondo di prodotti alimentari spesso indistinti – sottolinea Cathy Strange, buyer globale per i formaggi dell’azienda texana – siamo orgogliosi di offrire una vera e propria opera
d’arte naturale, ed è proprio la passione per il Parmigiano-Reggiano che ci porta a tentare questa nobile impresa dell’apertura contemporanea di forme di 24 mesi in 270 negozi, che si
aggiunge alle tante iniziative che mettiamo in atto (degustazioni promozionali, suggerimenti di abbinamenti con altri alimenti, ricette per i nostri clienti) per far conoscere ed apprezzare un
formaggio straordinario».
«La proposta del tradizionale metodo dell’apertura delle forme con il «taglio a roccia» – osserva Giuseppe Alai – valorizza ulteriormente una storia fatta di
artigianalità, tradizione e natura, e certo contribuirà ad innalzare ulteriormente la notorietà del nostro prodotto nel mondo, con benefici che ci auguriamo si traducano in
un aumento dei consumi che possa meglio premiare l’impregno dei nostri produttori anche in termini di quotazioni».
La «sfida» lanciata da Whole Foods Market inizierà alle ore 15,00 (ora di New York) del 12 aprile e finirà – come è negli auspici dei protagonisti e del
Consorzio di tutela – sul Guinness dei primati.

L’evento è tra l’altro in home page del sito della catena, mentre in una pagina specifica, oltre ad indicazioni approfondite sul Parmigiano-Reggiano, viene proposto un filmato in cui un addetto al banco
formaggi di Whole Foods Market mostrasi il processo di taglio a coltello della forma.