Per il secondo anno consecutivo il Piemonte partecipa con i suoi grandi vini alla manifestazione “Vini nel Mondo”, giunta alla terza edizione e in programma a Spoleto dal 1 al 3
giugno 2007. Sarà l’interno del famoso chiostro di San Nicolò a ospitare il Piemonte in un’area espositiva allestita per l’accoglienza del pubblico e per le
proposte di degustazione.
Una presenza promossa dall’Assessorato Agricoltura della Regione Piemonte in collaborazione con IMA Piemonte (Istituto Marketing Agroalimentare) e con le 12 Enoteche regionali
riconosciute, che prevede un ricco programma di scoperta e degustazione di alcuni tra i numerosi vini DOC e DOCG (rispettivamente 45 le DOC e 11 le DOCG) presenti nella regione, in abbinamento
con le specialità agroalimentari piemontesi.

In particolare, da venerdì 1 giugno a domenica 3, sono previsti quattro momenti quotidiani (alle 14,00, alle 16,00, alle 18,00 e alle 20,00) in cui tutte le Enoteche regionali, a turno,
proporranno al pubblico le proprie produzioni di eccellenza, dal Grignolino al Barbera al Dolcetto, dall’Arneis al Moscato allo Spumante, dal Caluso al Gattinara al Brachetto, fino ai
notissimi rossi Barolo e Barbaresco. Ogni vino sarà abbinato ai prodotti agroalimentari tradizionali, che comprendono i formaggi (Tome piemontesi, Castelmagno, Bra, Raschera) e i salumi
(salame Piemonte, mortadella della Val d’Ossola). Le degustazioni saranno guidate e illustrate dall’enologo Lorenzo Tablino e dal dott. Francesco Nota e permetteranno a visitatori e
appassionati di esplorare l’intero territorio del Piemonte, dalle Langhe al Monferrato, al Roero, all’Alto Piemonte, che costituiscono nel loro insieme un patrimonio conosciuto e
apprezzato in tutto il mondo.

“E’ con grande piacere che partecipiamo anche quest’anno alla manifestazione di Spoleto – afferma l’assessore Mino Taricco – una occasione che riteniamo importante per
far conoscere i nostri vini ai numerosi visitatori e appassionati, in un contesto, come quello della città umbra, di particolare prestigio e fascino storico-architettonico. Apprezziamo
particolarmente la finalità espressa dagli organizzatori di voler essere, allo stesso tempo, occasione di incontro per gli addetti ai lavori e opportunità di scoperta per gli
appassionati.
La nostra partecipazione si inserisce in una serie di iniziative di promozione dei vini piemontesi, ma anche dell’intero patrimonio culturale e paesaggistico che vi sta intorno, sulla cui
valorizzazione stiamo investendo grandi risorse.”

www.regione.piemonte.it