Bologna, 20 Giugno 2007 – Promuovere tra i cittadini la qualità della vita – attraverso una crescente attenzione ai temi dell’educazione e sicurezza alimentare, tutela della
salute, promozione del territorio, cultura e stili di vita ecosostenibili – è un’esigenza importante delle Amministrazioni comunali, in linea con le moderne politiche europee atte a
determinare scelte “ecologiche” in ogni settore d’attività pubblica.
Per affiancare i Comuni in questa azione, è nato “Il Programma BioBenessere per la tua città” che è parte del più ampio Progetto BioBenessere
(www.bio-benessere.it), promosso da Pro.B.E.R. – l’Associazione dei Produttori Biologici e Biodinamici dell’Emilia-Romagna – e cofinanziato da Unione Europea ed Agea, attualmente giunto al
terzo anno di attuazione e finalizzato alla promozione dei consumi di prodotti biologici.
Le esigenze delle Amministrazioni comunali sono emerse con evidenza dall’indagine quantitativa realizzata all’inizio del 2007 da Pro.B.E.R. sulla “Percezione ed il gradimento dei prodotti
alimentari di qualità e della sicurezza alimentare tra le Pubbliche Amministrazioni”.
“Il Programma BioBenessere per la tua Città”, scaturito dai risultati di tale indagine, si propone di diffondere una serie di attività personalizzabili ed adattabili alle
esigenze del Comune ed è organizzato per  singole sezioni inerenti il settore Servizi alla persona e Ristorazione scolastica, l’Educazione ed Istruzione, il Turismo ed il Tempo
libero, i Pasti Bio e le Filiere di produzione, il Verde e Bio-Habitat.
Queste attività riguardano l’affiancamento nella verifica della qualità percepita dall’utenza e nel miglioramento dei servizi di ristorazione scolastica, il potenziamento delle
attività formative per il personale comunale ed educative per docenti, studenti e genitori, l’arricchimento dei servizi comunali rivolti alla cittadinanza e lo sviluppo di iniziative con
le strutture di ricezione turistica, la valorizzazione delle produzioni locali con laboratori sensoriali per sviluppare le conoscenze ed il gusto individuale e collettivo, la verifica della
gestione del verde urbano e l’implementazione del metodo biologico per ottenere la certificazione.
Nell’ambito del Progetto BioBenessere per la tua Città è stato costituito il Team BioBenessere, composto da un pool di specialisti del settore della ristorazione di
qualità e della formazione che sono impegnati ad offrire informazioni, servizi e competenze specifiche alle Amministrazioni locali in tema di alimentazione biologica,
ecosostenibilità, rispetto ambientale e tutela della salute pubblica.
Gli esperti del Team lavorano a fianco dello staff comunale in un percorso di miglioramento e di costante aggiornamento, per portare il Programma BioBenessere per la tua Città ed
i valori in esso contenuti direttamente nelle città.
Secondo un programma itinerante che toccherà più località su tutto il territorio nazionale, il Team BioBenessere incontrerà i referenti dei Comuni in sessioni
formative con l’obiettivo di presentare il Programma BioBenessere e soprattutto per aprire un costruttivo e continuativo canale di dialogo ed informazione. I primi appuntamenti con il
Team BioBenessere ed il Programma BioBenessere per la tua Città, dedicati specificamente alle Amministrazioni Pubbliche (Assessori, Direttori di Settore, Funzionari), sono
previsti:
● a Viareggio il 22 giugno 2007 (Hotel Principe di Piemonte – sala Butterfly – Piazza Puccini, 1 – ore 9.00-13.00), all’interno della prima
edizione di Sapor Bio, rassegna internazionale del gusto biologico e forum europeo che si svolge nella città versiliana dal 21 al 24 giugno 2007;
● a Torino il 27 giugno 2007 (Hotel Turin Palace Hotel – Via Sacchi, 8 – ore 9.00-13.00).

“La costituzione del Team BioBenessere e la definizione del Programma BioBenessere per la tua Città – rileva Paolo Carnemolla, presidente Pro.B.E.R. – sono due step fondamentali
per valorizzare le attività e le relazioni consolidate nel triennio del Progetto europeo BioBenesssere, in quanto sono in grado di fornire risposte mirate alle esigenze delle Pubbliche
Amministrazioni, favorendo la diffusione delle buone pratiche in tema di educazione alimentare, soprattutto per le giovani generazioni, creando i presupposti per offrire maggiore sicurezza e
qualità dei pasti serviti”.
“Questo è possibile – sottolinea Carnemolla – dando vita ad una fitta rete di attività informative e formative con i Comuni e le scuole che hanno a cuore la qualità della
vita dei propri cittadini e degli studenti, promuovendo nuovi modelli di consumo che valorizzino le produzioni biologiche locali a tutela del territorio e delle tipicità, dell’ambiente e
della salute pubblica, operando a favore di un’alimentazione di qualità che diviene una scelta prioritaria per il generale benessere dei cittadini”.

www.centrostampa.net