Sondrio, 25 maggio 2007 – Conoscere il territorio, le sue caratteristiche, le sue dinamiche e le sue potenzialità: se è vero, come è vero, che era la
“mission” della Fondazione ProVinea “Vita alla Vite di Valtellina ONLUS, l’obiettivo è stato centrato in pieno. Coinvolgendo i duecento alunni dell’Istituto
Tecnico Agrario Statale di Sondrio e avvalendosi del prezioso e produttivo coinvolgimento dei due partner di riferimento (l’Amministrazione Provinciale di Sondrio e la Banca Popolare di
Sondrio), ProVinea è riuscita a proporre un progetto di ampio respiro, che ha permesso a quelli che potrebbero essere gli operatori del domani di toccare realmente con mano quella che
è la situazione attuale in Valtellina sui terrazzamenti vitati del versante retico.
Il corso, che ha riguardato le 22 classi dell’Istituto, si è sviluppato in tre fasi distinte. Nella prima lezione, teorica, si è puntata l’attenzione sul valore
storico, culturale, economico e sociale dei terrazzamenti vitati, con particolare riferimento alla realtà provinciale, e sulla natura, gli scopi e le attività di ProVinea, con un
approfondimento della candidatura degli stessi per l’inclusione nel Patrimonio Mondiale UNESCO.

Nei cicli successivi, invece, si è passati alla pratica: dapprima con una lezione a cielo aperto nei vigneti di Ermenegildo Della Maddalena, nella sottozona “Grumello Valtellina
Superiore D.o.c.g.”, e quindi nell’Azienda Agricola Alberto Marsetti a Sondrio per concentrarsi sull’aspetto produttivo ed economico della viticoltura terrazzata e sul funzionamento
di una casa vitivinicola. Questa settimana il corso si è concluso e i ragazzi hanno dimostrato di gradire, e non poco, l’iniziativa. Stimolati e coinvolti, hanno interagito con gli
interlocutori che man mano hanno dato loro tutte le indicazioni per potersi fare un’idea più che attendibile di quello che il futuro potrebbe loro riservare.
Il Preside della scuola, Simon Pietro Picceni, è più che soddisfatto dell’iniziativa. “E’ stata – ha detto – un’esperienza interessante, con un percorso di
alta qualità, grazie anche all’accompagnamento dell’agronomo Guido Bulgarelli, un punto di riferimento per i ragazzi. Dal terrazzamento in avanti, gli studenti hanno potuto
conoscere un luogo che si potrà sviluppare sia come coltura che come cultura, e questo aspetto non va affatto trascurato. I giovani si sono dimostrati molto stimolati, ma
d’altronde un Istituto agrario come il nostro non può non essere ancorato al territorio, perché senza questo attaccamento verrebbero meno tutti i nostri presupposti. Mi
piace sottolineare anche l’intesa con la Banca Popolare di Sondrio che ci ha portati a svolgere un ciclo di lezioni in una sala prestigiosa come è la “Fabio Besta” che
ci hanno messo a disposizione. Lavorare in quel contesto è stato uno sprone maggiore per tutti noi”. Non poteva che essere soddisfatto dell’iniziativa il Presidente della
Fondazione Domenico Triacca. “Il nostro futuro sono questi giovani e ProVinea in questo ci crede davvero. Non posso che felicitarmi con i partner dell’iniziativa per il successo che
ha riscosso, in particolare desidero ringraziare vivamente l’Assessore della Provincia di Sondrio Laura Carabini che ha aderito con entusiasmo al progetto, e che ha sempre un occhio di
riguardo per ProVinea, che ci ha consentito di tramutare in realtà un’iniziativa che sarà sicuramente utile ai nostri ragazzi.

ProVinea è stata costituita nel 2003 per volontà dei produttori associati al Consorzio di Tutela dei Vini di Valtellina, con lo scopo di tutelare, senza fini di lucro, il
territorio, il paesaggio e l’ambiente viticolo terrazzato della provincia di Sondrio, dove si sviluppa l’area viticola terrazzata di montagna più estesa d’Italia, e di
tutelare e valorizzare le tradizioni storico-culturali, i beni culturali ed ambientali. L’obiettivo più ambizioso di ProVinea è la candidatura della zona dei vigneti
terrazzati del versante retico della Valtellina per il Patrimonio Mondiale UNESCO, iscritta nel giugno 2006 nella “tentative list” depositata presso l’UNESCO
dall’Ufficio Lista del Patrimonio Mondiale UNESCO presso il Ministero per i Beni e le Attività Culturali. Inoltre ProVinea è responsabile per il tratto italiano della
candidatura per il Patrimonio dell’Umanità della “Ferrovia retica nel paesaggio culturale Albula/Bernina”, presentata nel dicembre 2006 al Centro del Patrimonio
Mondiale UNESCO di Parigi e sostenuta congiuntamente da Svizzera e Italia, sulla quale il Comitato deciderà nel 2008.

Per ulteriori informazioni:
Fondazione ProVinea “Vita alla Vite di Valtellina” ONLUS
Via Lungo Mallero Diaz, 18 – 23100 SONDRIO
Tel.: 0342.214426 – Fax: 0342.519435
[email protected] – www.provinea.it

www.asa-press.com