Il 28 giugno scorso il Consiglio dei Ministri ha approvato il Documento di programmazione economica e finanziaria (dpef) per gli anni 2008-2011 e il ministro dell’economia, Padoa Schioppa, nel
corso della presentazione ha illustrato le scelte del governo in tema di risanamento e politiche sociali.
Tra i progressi fatti dall’esecutivo, Padoa Schioppa ha sottolineato l’incremento dell’occupazione, la stabilizzazione dei prezzi, gli aiuti a sostegno delle situazioni di disagio sociale
più acute, il reperimento e destinazione delle risorse allo sviluppo e al Mezzogiorno ed il rispetto degli impegni di finanza pubblica.
Nell’enunciare gli obiettivi da perseguire, invece, Padoa Schioppa ha spiegato che l’esecutivo ha rifiutato la “strategia dei due tempi” (per cui prima si deve effettuare il risanamento e poi
perseguire la crescita) e ha disposto di completare lo stato sociale, alleggerire il peso delle pubbliche amministrazioni, ridurre il peso del debito pubblico e accrescere la concorrenza.
Nel Dpef si legge che per 2007 è stimata una crescita del il PIL al 2,0% e per il 2008 all’1,9% (sopra la media del decennio), mentre, se la produttività crescesse come nel Regno
Unito e aumentasse la partecipazione della forza lavoro, il PIL strutturale arriverebbe al 3% nel 2011.
Riguardo alla spesa pubblica, si evidenzia un riflusso positivo rispetto alle entrate fiscali (grazie ai provvedimenti contro l’evasione), ma alcune spese correnti non sono ancora sotto
controllo ed il deficit rimane il più alto a livello europeo.
Nonostante la Ue abbia richiesto di destinare tutto l’extragettito alla riduzione del debito pubblico e alla correzione strutturale annuale pari allo 0,5% del PIL per gli anni successivi, con
il dpef l’esecutivo ha stabilito di utilizzare parte del tesoretto (6,5 miliardi di euro nel 2007, 1,5 miliardi di euro dal 2008) a sostegno delle politiche sociali e di sviluppo e in
particolare:
– 2,3 miliardi per interventi in campo sociale
– 2,3 miliardi per lo sviluppo
– 1,9 miliardi per la sicurezza ed il funzionamento delle amministrazioni.

Ministero dell’Economia e delle Finanze, Documento di programmazione economica e finanziaria 2008-2011
Scarica il documento completo in formato .Pdf