Immigrati: Marini (Coldiretti), determinanti per 1/4 prodotto “DOC”

Immigrati: Marini (Coldiretti), determinanti per 1/4 prodotto “DOC”

Per quasi un quarto del Made in Italy a denominazione di origine alimentare è determinante il contributo dei lavoratori immigrati, senza i quali non sarebbe possibile la produzione di
numerose eccellenze, dalla raccolta delle mele della Val di Non in Trentino alla mungitura delle mucche da latte per il Parmigiano Reggiano, dalla vendemmia dei vini “Doc” alla cura dei greggi
per il pecorino romano fino alla raccolta della frutta Igp dell’Emilia Romagna. E’ quanto ha stimato il presidente della Coldiretti Sergio Marini, nel suo intervento al congresso nazionale
della Uila – Uil al quale hanno partecipato il Ministro del lavoro Sacconi e il Segretario generale della Uil Angeletti. Marini ha sottolineato che nelle campagne italiane lavorano regolarmente
circa 90mila immigrati extracomunitari, dei quali circa 15mila con contratti a tempo indeterminato, checontribuiscono in modo strutturale e determinante all’economia agricola del Paese.

Gli extracomunitari impegnati nei campi italiani secondo gli archivi Inps appartengono a 155 diverse nazionalità e sono molti i “distretti agricoli” dove i lavoratori immigrati sono una
componente bene integrata nel tessuto economico e sociale  come nel caso – ha aggiunto Marini – della raccolta delle fragole nel Veronese, della preparazione delle barbatelle in Friuli,
delle mele in Trentino, della frutta in Emilia Romagna, dell’uva in Piemonte fino agli allevamenti in Lombardia dove a svolgere l’attività di “bergamini” sono soprattutto gli indiani
mentre i macedoni sono coinvolti principalmente nella pastorizia. Secondo una analisi della Coldiretti, il ruolo dei lavoratori extracomunitari nella produzione dei formaggi piu’ tipici del
Made in Italy, nelle campagne di raccolta di ortaggi e frutta e nelle vendemmie dei vini piu’ prestigiosi è senza dubbio piu’ rilevante rispetto alla media delle produzioni agricole
italiane. Sono circa 30mila le aziende agricole italiane che secondo la Coldiretti assumono lavoratori extracomunitari con albanesi, indiani, marocchini, tunisini, macedoni che sono le
principali nazionalità dei lavoratori extracomunitari impegnati in agricoltura dove prevalgono i rapporti di lavoro stagionali per le caratteristiche proprie del lavoro nei campi legato
ai tempi di raccolta delle produzioni.

“Va garantita la legalità per combattere inquietanti fenomeni malavitosi che umiliano gli uomini e il proprio lavoro e gettano una ombra su un settore che ha scelto con decisione la
strada dell’attenzione alla sicurezza alimentare e ambientale, al servizio del bene comune” – ha concluso il presidente della Coldiretti Sergio Marini – nel sottolineare che “ad essere colpita
è la componente piu’ debole dei lavoratori agricoli come gli immigrati, ma anche le tante imprese oneste agricole che operano nella legalità” che sono costrette a lasciare il
prodotto sulle piante per colpa delle pesanti distorsione nel passaggio dei prodotti dal campo alla tavola, con la perdita di opportunità che potrebbero contribuire a ridurre il disagio
sociale”.

Leggi Anche
Scrivi un commento