A due anni dalla nascita dello Sportello Unico Previdenziale per l’attestazione della regolarità contributiva, l’Inail tira le somme e rileva che il 41,61% delle imprese che necessitano
il Documento Unico di Regolarità Cotributiva (Durc) si rivolge all’Istituto.
Nei primi 40 giorni del 2008, infatti, l’Inail ha emesso ben 202.740 Durc e si tratta del passo finale che di una crescita che è stata costante tra il 2006 ed il 2007 (dai 768.685
iniziali ai 1.345.629 dell’anno scorso).
Le richieste per lo più riguardano l’avvio di lavori edili privati (1.331.501) e la partecipazione ad appalti pubblici edili (647.851) e le aziende scelgono l’Inail perché in
media bastano 18 giorni per ottenere il Durc (rispetto ai 21 delle Casse edili ed ai 22 dell’Inps).
“Il fatto che l’Inail sia universalmente identificato come l’ente preposto alla tutela della sicurezza nei luoghi di lavoro nonché l’efficienza e celerità dei servizi erogati – ha
spiegato il presidente del Civ Inail Giovanni Guerisoli – spiegano il costante aumento delle imprese che ricorrono all’Istituto per la richiesta del Documento unico di regolarità
contributiva”.