Come noto, per calcolare i premi e i contributi di assicurazione Inail (premi assicurativi ed importi dei premi speciali unitari) bisogna prendere a confronto i minimali di retribuzione
stabiliti dall’Istituto.

Generalità dei lavoratori dipendenti
Per l’anno 2007 alla generalità dei lavoratori dipendenti si applica il minimale contributivo pari a euro 41,43 e mensile (x
26) di euro 1.077,18.

Sono esclusi dall’adeguamento al minimale giornaliero:
a). gli operai agricoli per i quali il limite minimo di retribuzione giornaliera previsto è aggiornato solo in base all’indice Istat, non dovendo essere adeguato al superiore
importo del minimale.
Per l’anno 2007, quindi, il limite minimo di retribuzione giornaliera è per gli operai agricoli di euro 36,86.
b) le erogazioni speciali relative a:
– trattamenti integrativi di prestazioni mutualistiche e previdenziali (infortunio, malattia professionale, malattia, gravidanza e puerperio, integrazioni salariali, ecc.) posti dalla legge o
dai contratti a carico dei datori di lavoro16;
– assegno o indennità corrisposta ai disoccupati avviati ai cantieri scuola e lavoro, rimboschimento e sistemazione montana.
La base imponibile è costituita dall’importo giornaliero stabilito con legge regionale e periodicamente aggiornato con decreto del Presidente della Giunta regionale, ancorché
inferiore al minimale.
Il valore di tale assegno o indennità deve essere moltiplicato per i giorni di effettiva presenza al lavoro. Inoltre, il tasso da applicare è il 50 per 1000 calcolato su detto
importo, mentre alle eventuali somme corrisposte a titolo di integrazione dell’assegno o indennità va applicato il tasso effettivo dell’attività svolta.
In merito, considerata la competenza delle Regioni in materia di determinazione del trattamento economico da corrispondere ai lavoratori utilizzati nei cantieri scuola e lavoro, rimboschimento
e sistemazione montana, sarà cura delle competenti Direzioni Regionali verificare se nelle rispettive Regioni sono previsti i suddetti cantieri e comunicare alle Unità dipendenti
gli importi dei trattamenti economici ed i periodi di riferimento.
c) le indennità di disponibilità previste nel contratto di lavoro intermittente, sulla quale i contributi sono versati per il loro effettivo ammontare, anche in deroga alla
vigente normativa in materia di minimale contributivo.
d) I lavoratori soci di cooperative e di organismi associativi anche di fatto (D.P.R. n. 602/1970) non operanti nell’area dei servizi socio-assistenziali, sanitari e educativi: il
limite minimo di retribuzione giornaliera è di euro 23,02. Tale minimale giornaliero per la generalità delle retribuzioni effettive si applica anche alle retribuzioni
convenzionali dei lavoratori per i quali non è previsto uno specifico limite di retribuzione giornaliera; non si applica alle retribuzioni convenzionali dei lavoratori con uno specifico
limite minimo di retribuzione giornaliera.
e) I lavoratori soci di cooperative, anche di fatto, operanti nell’area dei servizi socio-assistenziali, sanitari e educativi e soci di cooperative sociali (art. 1, lettera
a), L. n. 381/1991) e pari a euro 29,08.

Minimali per altre categorie di lavoratori
– Lavoratori a domicilio
: il limite minimo di retribuzione giornaliera per l’anno 2007 è di ?. 41,43.
– Detenuti ed internati, allievi dei corsi di istruzione professionale, lavoratori in lavori socialmente utili e di pubblica utilità, lavoratori in tirocini formativi e di
orientamento:
dal 1° luglio 2006 al 30 giugno 2007, l’imponibile giornaliero (?. 12.822,60 : 300) e mensile (x 25 ovvero ?. 12.822,60 : 12) corrisponde ai seguenti importi: retribuzione
convenzionale giornaliera 42,74 – mensile 1.068,55
– Familiari partecipanti all’impresa familiare: dal 1° luglio 2006 al 30 giugno 2007, l’imponibile giornaliero e mensile (x 25) corrisponde ai seguenti importi : retribuzione
convenzionale giornaliera 42,93 – mensile 1.073,14
– Lavoratori di società ex compagnie e gruppi portuali – non cooperative: è stabilita una retribuzione convenzionale giornaliera da moltiplicare per un periodo di
occupazione media mensile, ovvero 12 giorni al mese o 144 all’anno.
Dal 1° luglio 2006 al 30 giugno 2007, l’imponibile mensile (?. 79,69 x 12) corrisponde al seguente importo:
Retribuzione convenzionale giornaliera x 12 giorni mensili 956,28
– Addetti a lavorazioni meccanico-agricole per conto terzi: la retribuzione convenzionale giornaliera dei lavoratori in argomento va distinta secondo quanto segue:
a) Lavoratori diversi dai soci di cooperative anche di fatto: per l’anno 2007, l’imponibile giornaliero e mensile (x 25) corrisponde ai seguenti importi: retribuzione convenzionale giornaliera
41,43 – mensile 1.035,75
– Lavoratori con contratto part-time: a fronte di un orario normale è di 40 ore settimanali, la retribuzione oraria minimale per l’ anno 2007 risulta come segue:
41,43 x 6 : 40 (ore settimanali) = 6,21
– Lavoro ripartito: i lavoratori contitolari del contratto di lavoro ripartito sono assimilati, i fini del calcolo dei premi, ai lavoratori a tempo parziale
– Lavoratori dell’area dirigenziale: la base imponibile è costituita dalla retribuzione convenzionale pari al massimale di rendita.
Al riguardo, si applica il criterio della retribuzione convenzionale annuale divisibile in 300 giorni lavorativi.
Per i lavoratori dell’area dirigenziale con contratto part-time , si deve calcolare l’importo orario del massimale di rendita, da moltiplicare per l’orario definito nel rapporto di lavoro a
tempo parziale.
Dal 1° luglio 2006 al 30 giugno 2007 , l’imponibile orario (? 79,38 : 8), giornaliero (? 23.813,40 : 300) e mensile (x 25) corrisponde ai seguenti importi:
– Retribuzione convenzionale oraria 9,92 – giornaliera 79,38 – mensile 1.984,45
– Lavoratori parasubordinati: dal 1° luglio 2006 al 30 giugno 2007 , i limiti minimo e massimo dell’imponibile mensile (? 12.822,60 : 12; ? 23.813,40 : 12) corrispondono ai seguenti
importi:
Minimo mensile euro 1.068,55; massimo mensile euro 1.984,45
– Prestazioni occasionali: nel caso di rapporto di collaborazione coordinata e continuativa di durata non superiore a 30 giorni nel corso dell’anno solare e con un compenso non superiore
all’importo di ? 5.000 , la base imponibile è costituita dai compensi effettivamente percepiti nel rispetto del minimale e massimale di rendita:
– rapportata ai giorni di effettiva durata del rapporto, qualora in sede contrattuale sia previsto il numero delle effettive giornate lavorative
– rapportata al mese , qualora in sede contrattuale non sia specificato il numero delle effettive giornate lavorative.
Dal 1° luglio 2006 al 30 giugno 2007 , i limiti minimo e massimo dell’imponibile giornaliero (? 12.822,60 : 300; ? 23.813,40 : 300) e mensile (? 12.822,60: 12; ? 23.813,40 : 12)
corrispondono ai seguenti importi:
Minimo giornaliero 42,74 – massimo giornaliero 79,38
Minimo mensile euro 1068, 55 – e massimo mensile euro 1.984,45
– Sportivi professionisti dipendenti: dal 1° luglio 2006 al 30 giugno 2007 , i limiti minimo e massimo dell’imponibile annuale corrispondono ai seguenti importi:
Minimo annuale euro 12.822,60 – e massimo annuale euro 23.813,40

INAIL circolare, 5 giugno 2007, n. 24

INAIL circolare, 5 giugno 2007, n. 24, allegato 1

INAIL circolare, 5 giugno 2007, n. 24, allegato 2

INAIL circolare, 5 giugno 2007, n. 24, allegato 3

INAIL circolare, 5 giugno 2007, n. 24, allegato 4

INAIL circolare, 5 giugno 2007, n. 24, allegato 5

INAIL circolare, 5 giugno 2007, n. 24, allegato 6

INAIL circolare, 5 giugno 2007, n. 24, allegato 7

INAIL circolare, 5 giugno 2007, n. 24, allegato 8

INAIL circolare, 5 giugno 2007, n. 24, allegato 9

INAIL circolare, 5 giugno 2007, n. 24, allegato 10