Inflazione in calo, Codacons: “Nessuna vittoria, è solo di un illusorio “calo” tecnico”

 

Secondo il dato reso noto oggi dall’Istat, l’inflazione a dicembre è “scesa” dal 2,7 di novembre al 2,2%. In realtà la media del 2008 fa registrare
una inflazione al 3,3%, 1,5 % in piu’ rispetto al 2007, un livello che secondo la stessa Istat è più alto degli ultimi 12 anni.

Il calo dell’inflazione, insomma, è solo di un illusorio “calo” tecnico che non può far gridare vittoria a nessuno, men che meno al Governo che non ha
mosso un dito per combattere l’inflazione. Dopo gli aumenti record del 2008, infatti, l’unico dato positivo sarebbe una discesa dei prezzi, ossia un’inflazione
negativa, e non un aumento dei prezzi percentualmente inferiore. Altrimenti il costo della vita non può che continuare a salire mandando definitivamente in tilt i bilanci delle
famiglie italiane.

Se l’Istat, ad esempio, calcolasse il costo della vita, come da tempo chiede il Codacons, si scoprirebbe che, pur mantenendo questo trend dell’inflazione in discesa, ogni
famiglia, nel 2009, spenderà 605 euro in più rispetto a quanto ha speso nel 2008. A guidare la classifica dei rincari saranno ancora una volta gli alimentari. A pesare sul
2009 saranno, però, secondo le stime del Codacons, non i rialzi futuri ma la crescita di prezzi che c’è stata nel corso di tutto il 2008, che finirà per
determinare un aumento della spesa di 299 euro a famiglia, nonostante ora si preveda un periodo di stabilità dei prezzi, sia per il calo del costo del grano che per quello
dell’elettricità che per la recessione in atto.

 

Related Posts
Leave a reply