Influenza A, il virus provoca la follia degli anticorpi

Influenza A, il virus provoca la follia degli anticorpi

Più chiaro il modus operandi dell’influenza A. Il suo virus H1N1 può generare una reazione incontrollata (una sorta di “follia”) del sistema immunitario, indebolendo l’organismo
sotto attacco. E tale evento era più frequente nella fascia d’età 20-50 anni.

Questa la tesi di una ricerca della Vanderbilt University (USA), diretta dal dottor Fernando Polack e pubblicata su “Nature”.

Gli esperti diretti da Polack hanno analizzato i tessuti prelevati dai polmoni di 75 vittime della pandemia vissute in Argentina. Le procedure hanno rilevato alte dosi di C4d, proteina del
sistema immunitario che aumenta in caso d’infezione.

Per gli studiosi, ciò può essere spiegato dagli anticorpi: questi riconoscevano il virus, in quanto “informati” dalle precedenti influenze, ma non riuscivano a respingerlo. Tale
schizofrenia biologica portava alla formazione di coppie virus H1N1-proteina Cd4 che attaccavano i polmoni e favorivano il decesso.

Allora, riassume Polack: “Il virus ha avuto meno effetti sui neonati e sugli anziani” perché “Nei primi il sistema immunitario non e’ infatti ancora completamente formato, mentre nei
secondi ci sono ancora gli anticorpi dell’epidemia del 1957, il cui virus era molto più simile all’H1N1”.

Al contrario, i soggetti della fascia calda (20-50 anni) erano bersagli a rischio: il loro sistema immunitario era non troppo maturo da avere gli anticorpi giusti, ma abbastanza maturo da
degenerare.

FONTE: Janelle Weaver, “Exposure to seasonal flu weakened armour against H1N1”, 5 December 2010 | Nature | doi:10.1038/news.2010.649

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento