Nel corso del mese di febbraio l’INPDAP inviera’ ai pensionati la consueta richiesta dei redditi relativi al 2008, insieme agli eventuali solleciti per
i redditi 2007 non ancora comunicati. La verifica reddituale, finalizzata a contenere il fenomeno delle prestazioni indebite, interessa coloro che sono titolari di prestazioni
pensionistiche collegate al reddito: l’integrazione al trattamento minimo, l’incremento della maggiorazione sociale, l’assegno per il nucleo familiare, la cd “quattordicesima”, la
pensione ai superstiti in presenza di altri redditi. I redditi da dichiarare sono quelli diversi dalle pensioni, anche se erogate da altri Enti: redditi da lavoro dipendente, autonomo,
professionale, da partecipazioni, da terreni, da fabbricati, ecc. Sono esclusi dalla verifica i pensionati ultrasettantacinquenni che, in base alla precedente operazione RED, non
possedevano redditi diversi dalla pensione. Per la comunicazione dei redditi i pensionati dovranno rivolgersi entro il 30 maggio esclusivamente ai CAF o ai professionisti convenzionati
con l’INPDAP (il cui elenco sara’ consultabile sul sito internet dell’Istituto) che forniranno gratuitamente la loro consulenza agli interessati e acquisiranno i dati reddituali sulla
base della documentazione presentata. La mancata comunicazione dei redditi ai CAF o agli altri soggetti abilitati comportera’ senza altri avvisi la sospensione del pagamento della
prestazione.