La cantina Enrico Serafino vince il Premio Speciale “Bollicine dell’anno” 2014 Gambero Rosso

La cantina Enrico Serafino vince il Premio Speciale “Bollicine dell’anno” 2014 Gambero Rosso

Tradizionalmente appannaggio di Lombardia e Trentino Alto Adige, quest’anno il Premio Speciale “Bollicine dell’anno” 2014 Gambero Rosso è andato alla cantina piemontese Enrico
Serafino
. Per la prima volta, dunque, il Piemonte conquista un riconoscimento tanto importante, affermando una vocazione che va ben oltre i grandi rossi.

Ad essere premiato è un vino innovativo, l’unico Alta Langa a residuo zero, extrabrut, Enrico Serafino Alta Langa DOC Zero 2007. Un metodo classico pensato già dieci anni fa con
l’obiettivo di introdurre il concetto di bollicine a tutto pasto e un nuovo modo di bere. Un’idea diventata oggi realtà.

Questo riconoscimento premia l’importante lavoro di squadra compiuto in Enrico Serafino, a partire dagli enologi Lorenzo Barbero e Paolo Giacosa e dall’agronomo Giovanni Malerba. Enrico
Serafino Alta Langa DOC Zero 2007, infatti, è il frutto anzitutto di un importante lavoro in vigna e della selezione delle uve più vocate a dare origine a vini di ottima struttura
e acidità, adatti all’affinamento prolungato sui lieviti. Zero nasce dunque da una grande materia prima ma anche e soprattutto della visione strategica di un’azienda che offre oggi un
prodotto affinato 5 anni, capace di interpretare il gusto del consumatore moderno.

Enrico Serafino è riuscita a realizzare questo connubio, come dimostra il parere dei giudici di Gambero Rosso, che gli hanno assegnato il premio “Bollicine dell’anno”, dopo la
degustazione di oltre 2.000 spumanti.

 

Enrico Serafino Alta Langa DOC Zero 2007

Ottenuto da uve Pinot Nero (85%) e Chardonnay (15%), Enrico Serafino Alta Langa DOC Zero 2007 è un “dosaggio zero”, ovvero privo di liqueur d’expedition, in quanto, al termine della
fermentazione in bottiglia secondo il metodo tradizionale, il dosage è stato effettuato solo mediante aggiunta del vino originale. Con oltre 60 mesi di affinamento sui lieviti,
rappresenta la massima espressione di Cantina Maestra, la linea di Enrico Serafino che raggruppa i vini e gli spumanti metodo classico di alta gamma.

Le uve provengono da vigneti dell’Alta Langa oltre i 300 m/s.l.m., caratterizzati da suoli ricchi di argilla e calcare: l’uva che qui matura fornisce vini di ottima struttura e acidità,
adatti all’affinamento prolungato sui lieviti. L’uva raccolta manualmente in cassette viene pressata in modo soffice e il mosto di prima spremitura fermenta in serbatoi di acciaio a temperatura
controllata. La presa di spuma è condotta col Metodo Classico di rifermentazione in bottiglia. Si ottiene così un vino dal colore giallo paglierino brillante e dal perlage fine e
persistente. Al naso esprime complesse ed eleganti note di fiori di tiglio, miele, frutta bianca matura, che sfumano in sentori di lievito e crosta di pane. Al palato la struttura è
vigorosa, sostenuta dall’ottima vena acida. Le note di fiori, frutta e lievito si susseguono fra loro, il finale è lungo e minerale.

 

PROFILO CAMPARI WINES:

Campari Wines, la società che all’interno del Gruppo Campari identifica il Polo Vini, comprende quattro aziende vitivinicole di proprietà (Sella&Mosca-Sardegna,
Teruzzi&Puthod-Toscana, Enrico Serafino-Piemonte e Lamargue-Francia) e nove aziende in distribuzione esclusiva (Fazi Battaglia-Marche, Volpe Pasini-Friuli Venezia Giulia, Le
Fracce-Lombardia, Icario-Toscana, Kupelwieser-Alto Adige, Urciuolo-Campania, Capraia-Toscana, Mouton Cadet-Francia e Villa Massa-Campania) oltre ai marchi Riccadonna, Mondoro (per il mercato
italiano) e Zedda Piras, leader di mercato nella categoria Mirto di Sardegna. Tra le prime aziende italiane nel settore vino, Campari Wines produce e commercializza un portfolio di vini e
liquori ampio e coerente per qualità e immagine sia sul mercato nazionale che sui mercati esteri. Con oltre 330 referenze gestite, 5 siti produttivi e più di 150 persone
impiegate, Campari Wines punta a essere uno dei primi attori nel panorama dei produttori di vini italiani di qualità e tra i player di riferimento nei principali canali e mercati.

 
Redazione Newsfood.com+WebTv

Leggi Anche
Scrivi un commento