La Commissione francese per l’energia atomica (CEA) ha dato il proprio sostegno alla Carta europea dei ricercatori e al Codice di condotta per l’assunzione dei ricercatori, accettando di
applicarne i principi alla gestione delle proprie risorse umane in favore dei ricercatori e dell’occupazione nel settore scientifico.

Lanciati dalla Commissione europea nel marzo 2005, la Carta e il Codice di condotta sono considerati iniziative fondamentali nella politica dell’UE al fine di contribuire ad aumentare il numero
di ricercatori in Europa e a stimolare la crescita economica e dell’occupazione.

La Carta concerne i ruoli, le responsabilità e i diritti dei ricercatori e dei loro datori di lavoro o delle organizzazioni di finanziamento, mentre il Codice si pone l’obiettivo di
migliorare le modalità di assunzione, rendere le procedure di selezione più eque e più trasparenti e di introdurre diversi strumenti di valutazione del merito.

«La ricerca in Europa beneficerà del miglioramento delle condizioni di lavoro dei ricercatori», ha dichiarato Potocnik. «È essenziale che le organizzazioni di
ricerca inizino ad offrire loro le più valide opportunità di carriera possibili», ha aggiunto.

Bugat dichiara che, con la firma delle due iniziative, «la CEA è sicura che l’abilità degli istituti di ricerca di offrire condizioni di lavoro attraenti nonché
opportunità di carriera è un elemento chiave per raccogliere le due sfide della competitività scientifica ed economica in Europa.»

Creata nel 1945, la CEA è un ente pubblico francese di ricerca «a vocazione industriale e commerciale». È attiva in tre settori principali: l’energia, la difesa e la
sicurezza globale, le tecnologie dell’informazione e della salute. In ciascun settore ingegneri e ricercatori della CEA si contraddistinguono per una cultura interdisciplinare che consente la
costituzione di sinergie tra ricerca di base e tecnologica. La CEA conduce attività di ricerca di base e applicata in numerosi settori, fra cui la progettazione di reattori nucleari, la
microelettronica, le nanotecnologie, le biotecnologie (compresa la genomica) e le neuroscienze. Ha un organico di 15 000 dipendenti che lavorano in nove centri di ricerca ubicati in tutta la
Francia. Dispone di un bilancio di circa 3,2 Mrd EUR (2006).

La CEA si propone due obiettivi: diventare l’organizzazione di ricerca tecnologia leader in Europa e garantire che il deterrente nucleare rimanga efficace nel futuro.

Secondo la CEA, la maggior parte delle idee contenute nella Carta e nel Codice è già divenuta realtà nell’istituto di ricerca, impegnato da tempo nel miglioramento della
trasparenza e dell’imparzialità nell’assunzione di ricercatori.

Riconoscendo l’esigenza di una maggiore mobilità, la CEA ha già predisposto contratti di lavoro specifici per la mobilità in Europa, tra cui i cosiddetti «contratti
d’uso» che consentono ai ricercatori francesi o stranieri (specialmente europei) di lavorare su progetti finanziati a titolo dei programmi quadro di ricerca dell’UE a condizioni
contrattuali compatibili con le norme definite dalla Commissione europea e dalla legislazione francese.

Per ulteriori informazioni sulla Carta e sul Codice consultare:
http://europa.eu.int/eracareers/europeancharter

Per informazioni sul CEA consultare:
http://www.cea.fr/english_portal