La nuova Crostatina Nocciola senza glutine del Dr. Schar

La nuova  Crostatina Nocciola  senza glutine del Dr. Schar

Anche chi è intollerante al glutine può inserire nella propria colazione il più classico dei dolci italiani, la pasta frolla con farcitura di nocciole al cacao. L’azienda numero 1 nel mondo del senza glutine, Dr. Schar, infatti, ha presentato la nuova “Crostatina Nocciola”, una piccola grande bontà fatta con farina di grano saraceno, il 21% di crema di nocciole e cacao, uova da galline allevate a terra.

Una delizia oltre che senza glutine è fatta anche senza olio di palma e senza conservanti. Ed è pure molto pratica la confezione di 152 grammi, divisi in 4 pratiche monoporzioni da 38 grammi. Insomma “un piccolo capolavoro di bontà che mette tutti d’accordo”, dice Sara D’Agostini, marketing manager di Dr.Schar.

Elena Dogliotti e Luca Piretta

Ma l’azienda leader nel mercato europeo dei prodotti privi di glutine e frumento, da trent’anni investe anche nella ricerca e nell’innovazione (che Ulrich Ladurner, fondatore e presidente della società, ritiene che sia “il motore del nostro sviluppo, il fondamento della nostra ricerca perché apre sempre nuove strade nella ricerca medica, nella biotecnologia e nello sviluppo del prodotto”) su prodotti alimentari senza dubbio un po’ particolari, quando presenta una novità, lo fa sempre con la partecipazione di medici di grande esperienza.

Nel caso della nuova Crostatina Nocciola, per esempio, l’azienda altoatesina ha coinvolto uno dei più autorevoli gastroenterologi italiani, Luca Piretta e una biologa nutrizionista, Elena Dogliotti che, è il caso di sottolinearlo, hanno abbondato nel dare consigli di come devono curare la propria alimentazione gli intolleranti al glutine. Partendo proprio dalla prima colazione che, spiega Piretta, “è il primo, vero e proprio, pasto della giornata e dovrebbe fornire in media 350-450 calorie, corrispondenti al 20% circa del fabbisogno energetico giornaliero.

Per questo saltarla potrebbe comportare sonnolenza, difficoltà di concentrazione ed ipoglicemia. Ciò vale anche per i celiaci e per gli intolleranti al glutine che, come tutti, necessitano del corretto apporto di vitamine, sali minerali e proteine, ma soprattutto di carboidrati, tra i costituenti principali della nostra alimentazione perché facili da digerire e assimilare in quanto costituiscono l’energia pulita per il nostro organismo. Anche per la colazione del mattino, i celiaci possono, quindi, scegliere prodotti con carboidrati naturalmente privi di glutine, che sostituiscono egregiamente i cereali vietati e contare, così, su un’alimentazione varia ed equilibrata”.

In questa ottica va vista anche la scelta di Dr.Schar di lanciare la campagna “il buongiorno che ti premia”. Cioè, una campagna promozionale per una grande gamma di prodotti senza glutine per la colazione. Dice D’Agostini “l’iniziativa promozionale intende valorizzare la gamma di prodotti dedicati alla colazione scegliendo un format collaudato che premia il consumatore con regali dedicati proprio alla colazione in famiglia”.

Dal tostapane elettrico alle tovagliette in cotone ma, anche, piattini e mug in ceramica. L’obiettivo è quello di sottolineare che la colazione è un pasto importante e, quindi, da non “saltare mai”, dice il prof. Piretta. Ma, anche, di incentivare il trial delle novità dei prodotti per la colazione, incrementandone la rotazione, visto che alla novità crostatina farcita di nocciola, Dr.Schar affianca una vasta gamma di prodotti adatti a questo importante rito di inizio giornata.

Come la colazione classica, con i croissant, o i biscotti della tradizione (gran risveglio, petit, frollini); la colazione benessere, con prodotti ricchi in fibre (carrotinis, biscotto all’avena, cereal bisco); la colazione golosa, con le nuove crostatine alla nocciola, i soft waffel e le torte (Lemon Cake, Marble Cake).

E’ un’iniziativa che praticamente anticipa un evento molto importante come quello del “mese delle intolleranze al glutine”, in programma il prossimo giugno. Un progetto realizzato da Dr. Schar Institute, in stretta collaborazione con un team di medici e dietisti esperti in nutrizione e con il supporto dell’Associazione dietisti italiana (Adi), che nel 2017 ha registrato l’adesione di più di 7.000 persone. E’ un progetto importante per aumentare la consapevolezza sulle intolleranze al glutine e sensibilizzare a seguire il percorso diagnostico “non affidarsi ad internet per aver informazioni che spesso sono pressapochiste”, dice il prof. Piretta. Che, porta ad esempio, il caso dei vaccini: i primi dieci siti che emergono dalla ricerca su internet, sono tutti non vax.
Che commento si può fare?
Nessuno.

Maria Michele Pizzillo
per Newsfood.com

Leggi Anche
Scrivi un commento