Viterbo – Bilancio di previsione 2008: la Provincia aumenta gli investimenti e torna a programmare lo sviluppo del territorio, anche a lungo termine: «Si tratta di uno
strumento economico e finanziario solido – dice il presidente, Alessandro Mazzoli – espressione di un ente in salute, che investe in maniera crescente sulla qualità e quantità dei
servizi offerti al cittadino».

Chiusa oggi la fase di lavoro della commissione, il Bilancio verrà portato in consiglio lunedì 3 marzo nel pomeriggio, martedì 4 per l’intera giornata e mercoledì di
nuovo nel pomeriggio per la votazione definitiva.

Un trend di investimenti in continuo aumento. «Per tre esercizi consecutivi – afferma il presidente – il bilancio ha subìto un incremento considerevole. Tra entrate e uscite, siamo
passati dai 74 milioni e mezzo di euro del 2006, ai 111 milioni del 2007, fino ad arrivare ai quasi 123 milioni di euro per l’anno corrente. Con un giudizio della Fitch Rating, l’agenzia che
valuta l’affidabilità economica degli enti, confermato nella fascia alta (AA-), e investimenti in progressiva crescita, stiamo dimostrando che l’ente svolge un ruolo fondamentale
nell’indirizzare lo sviluppo del territorio».

Aeroporto, questa è la priorità. «Abbiamo stanziato 2 milioni di euro per l’aggiornamento e l’adeguamento del sistema infrastrutturale in vista della realizzazione dello
scalo civile – spiega Mazzoli – Somma che si aggiunge ai 900 mila euro del Prusst, il Programma di riqualificazione urbana e di sviluppo sostenibile del territorio. Significa che abbiamo messo
a disposizione 3 milioni di euro per adeguare il sistema Tuscia alla grande novità dell’aeroporto».

Su questa scia, nei prossimi mesi verrà approvato «il piano strategico provinciale, strumento previsto per legge, che introduciamo per la prima volta e che permetterà alla
Provincia di disegnare i tratti fondamentali dello sviluppo territoriale dei prossimi decenni». Verrà poi aggiornato il piano di bacino del traffico e della mobilità in
relazione all’aeroporto.

Urbanistica, arrivano le deleghe. «A marzo – continua – il piano provinciale di coordinamento territoriale verrà pubblicato e potremo iniziare così ad acquisire le
competenze dell’urbanistica».

Corposo il capitolo degli investimenti, anche negli altri settori. «Per la viabilità provinciale ed ex Anas – afferma Mazzoli – abbiamo a disposizione un totale di oltre 30 milioni
di euro, di cui 18 da fondi provinciali e regionali e 15 da investimenti dell’Astral». Per l’edilizia scolastica, «abbiamo confermato – continua – l’impegno per i 9 milioni di euro
destinati alla realizzazione del nuovo liceo scientifico di Viterbo – entro giugno il Comune dovrebbe mettere a disposizione l’area -, cui vanno aggiunti finanziamenti provinciali e regionali
per l’adeguamento, la manutenzione ordinaria e straordinaria, che ammontano a 7,5 milioni di euro».

Per l’ambiente previsti 6 milioni di euro, «di cui un milione – spiega Mazzoli – saranno impegnati dalla Provincia per realizzare le infrastrutture necessarie alla raccolta differenziata,
che riteniamo sia una scelta di civiltà non più rinviabile». Cambiamenti in vista anche per il turismo: «A fine aprile – chiarisce – avverrà il definitivo
superamento delle Apt, col passaggio di deleghe e personale alla Provincia, che per la prima volta ha presentato il programma del Festival barocco».

In materia di agricoltura, la novità principale riguarda l’avvio del distretto agro-alimentare di qualità dei Cimini, che sarà presentato a marzo dalla Regione. Ma anche la
cultura cambia. «Con la modifica della legge regionale 32 – è ancora Mazzoli a parlare – la Provincia ha a disposizione 500 mila euro per realizzare il bando dei contributi per la
promozione delle attività culturali, mentre gli anni scorsi eravamo fermi a 100-120 mila euro».

Programmazione europea: dal 2008 al 2013 a disposizione ci sono oltre 17 milioni di euro per la formazione professionale, la pubblica istruzione, le politiche attive per il lavoro e le
politiche sociali. «Per ripartire in maniera efficace le risorse europee – dichiara il presidente – abbiamo istituito un tavolo di coordinamento inter-assessorile, in cui siedono gli
assessori Aldo Fabbrini, Stefano Di Meo e Giuseppe Picchiarelli. Tre gli obiettivi che vogliamo raggiungere: la lotta alla dispersione scolastica, allargare i destinatari della formazione
professionale, che deve guardare all’uguaglianza e alla promozione sociale, e collegarla col mondo del lavoro, come fatto con l’intesa tra Provincia e Costa Crociere».

Infine il capitolo lavoro. «Nel 2008 daremo seguito all’impegno per la stabilizzazione degli Lsu (lavoratori socialmente utili) e dei cantieri scuola – conclude – E torneremo quindi a una
condizione di normalità sul fronte del personale, tornando a ribadire che all’ente pubblico si accede attraverso i concorsi. Così potremo programmare le assunzioni d’intesa con le
organizzazioni sindacali e valorizzare il personale di ruolo. Un ente pubblico per funzionare ha bisogno di dipendenti qualificati e dalle grandi competenze».