Viterbo – La Tuscia di nuovo presente alla 28a edizione della Borsa internazionale del turismo (Bit), che si è conclusa domenica scorsa, per la Provincia di Viterbo la
manifestazione di Rho è ormai un appuntamento fisso, che la vede protagonista con un proprio spazio personalizzato all’interno dello stand Lazio.

A questa particolare edizione della Bit hanno partecipato il ministro Francesco Rutelli, il ministro per le Politiche internazionali Emma Bonino, il presidente della Regione Lombardia Roberto
Formigoni e il sindaco di Milano Letizia Moratti.

«La Bit 2008 è un appuntamento immancabile – ha detto l’assessore Angelo Cappelli – che ci consente di essere a fianco dei numerosi operatori turistici della Tuscia che si sono
alternati nei 4 giorni di fiera approfittando anche dell’occasione per ascoltare le loro proposte, i loro suggerimenti per un continuo sviluppo turistico del nostro territorio anche nell’ottica
della realizzazione del nuovo aeroporto. Quelli che verranno saranno anni fondamentali per lo sviluppo della Tuscia in particolar modo per quello turistico».

«Non dobbiamo farci trovare impreparati, anche perché – continua l’assessore Cappelli – tra poco le Apt saranno soppresse quindi tutte le competenze sul turismo saranno di un unico
ente, la Provincia, che in sinergia con la Regione e con l’Agenzia regionale per la promozione turistica potrà meglio programmare e pianificare piani di marketing adeguati per
fronteggiare la concorrenza».

La formula della Bit 2008 ha ricalcato quella delle passate edizioni: 4 giornate dedicate agli operatori ed un intero week end aperto anche al pubblico dei viaggiatori. Una formula multitarget
che risponde alle esigenze di ogni tipo di utente.

Questi i numeri: 5.000 operatori del sistema turistico internazionale e nazionale incontrano 150.000 tra operatori e viaggiatori. Tutte le Regioni italiane avevano il proprio spazio nella
sezione «Italy», mentre nella sezione «The World» erano presenti 152 Paesi con significative new entry come Bhutan, Mali, Bielorussia, Belgio, Repubblica Democratica del
Congo e importanti ritorni come le Isole Bermuda, la Siria e il Giappone. Il trade nello storico «Buy Italy», il più importante workshop al mondo dell’offerta turistica
italiana e ne nuovo » Buy Club International», il primo workshop internazionale dedicato all’associazionismo.

«In questi quattro giorni di fiera – conclude Cappelli – la novità che ha attirato la curiosità e l’attenzione dei tour operator è stato ovviamente l’aeroporto. Il
terzo scalo del Lazio a Viterbo rappresenta quindi una svolta importante che potrà attirare sempre più turisti nel nostro territorio. In particolare grande interesse è
stato dimostrato per le vie degli Etruschi, Via Francigena, Viterbo medioevale e termale, lago di Bolsena, Parco dei mostri di Bomarzo, Civita di Bagnoregio, Palazzo Farnese di
Caprarola».