Toscana – Un buon libro può aiutare anche contro le malattie, a pensarlo sono, in Toscana, già una ventina di ospedali nei cui reparti è attivo da tempo un servizio
bibliotecario con prestiti di volumi, formazione del personale, cicli di letture.

La Regione Toscana intende incrementare questo tipo di offerta culturale e, con l’assessorato alla cultura, ha varato un bando per finanziare progetti di lettura negli ospedali toscani.
Sono disponibili circa 307 mila euro. Entro il prossimo 13 dicembre possono presentare domanda biblioteche e reti di biblioteche toscane. E’ comunque necessario un partenariato con gli ospedali
e con associazioni di volontariato.

«Il finanziamento regionale – spiega l’assessore alla cultura Paolo Cocchi – copre l’80 per cento dei singoli progetti, ciascuno dei quali dovrà rientrare fra un minimo di 5 mila e
un massimo di 15 mila euro. Possono essere presentati progetti anche per biblioteche ancora da attivare. Un preciso segnale di attenzione per categorie deboli, svantaggiate, a rischio di
esclusione sociale fra cui, in certe condizioni, possono anche essere compresi i degenti in ospedale».

Mauro Banchini