La solita sagra? No, sabato andiamo al Castello di Moncrivello canavese

La solita sagra? No, sabato andiamo al Castello di Moncrivello canavese

Milano, 12 settembre 2017
Un  sabato diverso che accontenta tutti: nel pomeriggio ci si immerge nella cultura, nelle tradizioni del territori0 riscoprendo un folclore paesano sotto i merli aristocratici della magione sabauda. Si potrà infatti entrare nelle stanze del Castello di Moncrivello,  meglio conosciuto come il Castello delle tre Duchesse, e si potranno ascoltare storie, aneddoti, filastrocche… di un tempo passato, quando la vita scorreva più lenta.

Ci sarà anche uno spettacolo teatrale in tema e vari momenti di intrattenimento e di didattica informativa per chi è attento alla propria salute ea a quella dei propri cari. A seguire un approfondimento e il programma della giornata che si concluderà con le gambe sotto il tavolo per conoscere il territorio anche attraverso la piacevolezza del nbuon cibo e del buon bere ma… cum grano salis!

Una giornata diversa che ci farà riscoprire i ritmi naturali di una giornata spensierata, tra la gente che ancora crede in un futuro migliore.

 

Vedi mmagini del castello e intervista di Nicoletta Viali alla D.ssa Elda Viletto, proprietaria del castello di Moncrivello (Clicca qui)

Giuseppe Danielli
Newsfood.com

Al Castello di Moncrivello, sabato 16 settembre 2017 alle 15, inizierà il ciclo di eventi della Manifestazione itinerante Andar per Castelli 2017 con tema Trovatori e Amor Cortese organizzata dall’Associazione Culturale Nati per Sorridere in collaborazione con Strada Reale dei Vini Torinesi.

Elda Viletto, proprietaria del castello di Moncrivello, tra Simona Quilico e Nicoletta Viali alla presentazione di Andar per Castelli

La Manifestazione Andar per Castelli nell’edizione 2017 si sviluppa in quattro eventi che offriranno l’opportunità di godere appieno dell’ospitalità di quattro favolosi castelli del Canavese e, nella magica suggestione di questi ambienti, si potrà: visitare il castello, visitare la Mostra di Incisioni d’Arte a tema, assistere ad una simpatica divagazione su storie e leggende, farsi coinvolgere ed emozionarsi da un sorprendente spettacolo teatrale ed assaporare specialità enogastronomiche del territorio canavesano proprio nell’anno in cui si festeggiano i 50 anni dal rilascio della DOC (Denominazione di Origine Controllata) ai suoi vini più conosciuti ed apprezzati: l’ Erbaluce di Caluso ed il Nebbiolo di Carema.
(per maggiori informazioni www.visitargustando.com)

Il  Castello di Moncrivello nasce come roccaforte difensiva ed è definito ‘Il Castello delle tre Duchesse’ in quanto tre grandi personaggi di Casa Savoia lo hanno frequentato ed amato a partire dalla Duchessa Jolanda di Savoia che lo ha ristrutturato per farne la propria residenza.

Il maniero è visitabile dal 1996,  in occasione delle manifestazioni culturali ed artistiche  organizzate dall’ Associazione Duchessa Jolanda  e dalla proprietà, con il patrocinio del Comune di Moncrivello, Provincia di Vercelli e Regione Piemonte.

L’evento in programma nella manifestazione itinerante Andar per Castelli 2017 è, di fatto e sincronicamente, la logica evoluzione di un percorso ventennale, durante il quale il Castello di Moncrivello, si è configurato con una forte  immagine di  centro culturale per la conservazione della memoria del territorio e “motore propulsivo” di idee in favore di tutela dell’ ambiente e della salute e sede di eventi scientifici.

L’ originale “vision” del Castello di Moncrivello, è stato da sempre quello di interpretare il riuso e la funzione del castello come fucina e crogiolo di elaborazione di idee nuove, al di là degli stereotipi della cultura dominante.

I messaggi lanciati hanno un minimo comun denominatore: la sostenibilità, ovvero l’interesse verso lo sviluppo  del territorio a partire dalle proprie risorse: l’agricoltura, le bellezze paesaggistiche, i castelli e monumenti storici, e perché no, la messa a frutto dell’ ingegno dei suoi abitanti che sono chiamati ad elaborare soluzioni nuove ed ardite, in particolare per i giovani.

Al Castello di Moncrivello si promuove da anni l’agricoltura biologica, si è parlato con decisione della viticoltura biologica, che ora sta facendo breccia presso molti produttori di Erbaluce; è stata fondata l’ Associazione Biodistretto Filo di Luce in Canavese, che oltre a credere in un modo diverso di fare agricoltura, si prefigge di stabilire alleanze tra coltivatori e consumatori responsabili, in favore del Km0/filiera corta.  Il Biodistretto, costituito sul “modello AIAB”,  è in stretto rapporto con i Biodistretti fondati da Città del Bio.

E’ scritto nel suo manifesto l’intrigante abbinamento “canapa-erbaluce”.

E’ nato in castello, con l’ alleanza di Orto Etico,   quel movimento che,  facendo tesoro e raccogliendo la preziosa  eredità  di tentativi precedenti, ha promosso la semina della canapa e la diffusione della cultura della canapa, fino a redigere un progetto che è incluso nel piano di sviluppo strategico della Città Metropolitana di Torino.

Il Filo di Luce,  si sta occupando ora di impiantare  una vera e propria  filiera della canapa canavesana, stabilendo alleanze strategiche con enti o soggetti con obiettivi analoghi, ivi compresa l’ Università di Torino.

Per quanto concerne la salute, al castello si sono redatti i menù per la refezione scolastica, basati sul biologico locale, che sono a disposizione del territorio; si tengono lezioni di cucina anticancro presieduti  Giovanni Allegro il quale collabora con l’ Istituto dei tumori di Milano; si è affrontato il tema del riciclo dei rifiuti con Rossano Ercolini di Capannori,  dell’ambiente con  Luca Mercalli.

In definitiva il Castello di Moncrivello apre al pubblico per promuovere alcuni valori e risorse ed idee virtuose. Gli artisti locali, il turismo dolce,  l’ enogastronomia intelligente del territorio:  è scritto nel suo manifesto fin dal 2014 l’intrigante abbinamento “canapa-erbaluce”; l’enogastronomia propugnata nel Castello non è una qualsiasi, ma è sempre sostenuta da principi quale l’etica, la sostenibilità, la salute.

 

 

Redazione Newsfood.com

Leggi Anche
Scrivi un commento