La stevia: dal Sudamerica, la pianta che sostituisce lo zucchero

La stevia: dal Sudamerica, la pianta che sostituisce lo zucchero

Secondo alcuni nutrizionisti, sarebb possibile sostituire lo zucchero nei cibi (dolci in primis) con un dolcificante, egualmente buono ma meno dannoso.

Tra le possibili candidati a prenderne il posto, viene proposta così la stevia (Stevia rebaudiana Bertoni), pianta originaria del Sudamerica.

Secondo gli estimatori, la stevia ha numerosi vantaggi.
Le sue foglie hanno un potere dolcificante superiore allo zucchero, e sono prive di calorie, grassi, carboidrati. Gli estratti di stevia sono inoltre resistenti alle alte temperature, ideali
per i prodotti da forno.

Unico difetto (parziale), il retrogusto di liquirizia, che lo rende indatto per alcune preparazioni.

Al momento, l’Unione Europea non permette l’uso alimentare della stevia e derivati, per la mancanza di ricerche affidabili sulla loro non pericolosità per l’uomo.

Diversamente, dal 2008 la Svizzera ha concesso alcune autorizzazioni per l’estratto della stevia, e dunque si presta a essere il Paese test per un eventuale nuovo mercato europeo.

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento