Lavagna (GE): 6ª edizione di “Pesto e dintorni”

Lavagna (GE): 6ª edizione di “Pesto e dintorni”

Lavagna (GE) – Presso i laboratori di degustazione in Sala Liguria in Piazza V. Veneto si svolgeranno gli incontri a cura delle Camere di Commercio delle
4 province liguri. Si partirà venerdì con la degustazione di moscatello della Liguria (una vera chicca) a cura dell’Enoteca Pubblica della Liguria e della Lunigiana, sabato 10 si
passerà agli ortaggi del Tigullio, alla focaccia genovese, ai vini bianchi del genovesato, al formaggio “U Cabanin”, all’olio extravergine d’oliva dop Riviera Ligure il tutto a cura della
Camera di Commercio di Genova.

Domenica si degusteranno i vini doc del Ponente savonese -a cura della Camera di Commercio di Savona- ed un eccezionale incontro tra “Pigato e mitili” a cura dell’Enoteca Pubblica della Liguria e
della Lunigiana e della Camera di Commercio di La Spezia. Alle ore 17.30 si terrà una degustazione di pesce a cura di Legambiente Liguria, AQUA srl e Regione Liguria Assessorato Pesca e
Agricoltura. Per il progetto Acquacolture di qualità,una risorsa per la Liguria.

Presso l’Arena eventi allestita nel Porticato Brignardello in Piazza Marconi
Sabato 10 alle ore 10.30 si partirà con l’evento Non solo pesto: Liquore e meringhe a base di basilico (a cura delle Associazioni Valli del Latte e Terre del Pesto) per poi proseguire con
Fiordibasilico -dimostrazione di composizioni floreali a cura dell’Azienda Speciale Riviera dei Fiori e della Camera di Commercio di Imperia. Alle ore 17.30 si terrà una degustazione
guidata di Testaroli al pesto genovese a cura del Consorzio Centro Storico di Lavagna.

Domenica alle ore 10.30 si terrà l’incontro Coltiviamo il Basilico a cura del Parco del basilico, della Provincia di Genova, delle Associazioni Valli del Latte e Terre del Pesto. Alle ore
17.00 si terrà l’incontro dedicato alla presentazione delle attività di informazione ed educazione ambientale nell’Oasi faunistica del fiume Entella e nel sistema delle Zone
Protette Provinciali: un’esperienza pluriennale ricca di risultati  e prodotti. Dopo l’incontro organizzato a cura della Provincia di Genova e della Cooperativa TerraMare seguirà una
degustazione di prodotti tipici.

Le Mostre di Pesto e dintorni

Nel Porticato Brignardello si terranno per le tre giornate di manifestazione le seguenti mostre:

  • Agricoltori mostra fotografica a cura di Regione Liguria e Unioncamere Liguria. Immagini di Andrea Sampietro
  • Entella. Storie di acqua, pietre e uomini lungo il corso del fiume a cura di Giorgio Getto Viarengo.
  • Il Viaggio Impalpabile. Acquerelli dal paesaggio dell’Entella  a cura di Bruno Ronco – mostra di acquerelli
  • Racconti del Pesto. Mostra fotografica a cura di Giogo Limardo
  • Nel respiro del Fiume: la piana, gli orti, l’oasi faunistica. Mostra fotografica  a cura di Massimo Rivara e Enrico Ruggeri.

Domenica 11 alle ore 10.00 partirà una visita guidata dell’Entella da Porticato Brignardello con introduzione di Giorgio Getto Viarengo. La visita è organizzata dalla
Coopertiva Terramare

A casa Carboni
Verde…basilico. Il verde in Liguria. L’uso del colore verde nella tradizione di Liguria.
A cura di Francesca Marini e del Comune di Lavagna

Inoltre a Pesto e dintorni
Arena spettacoli di Piazza Marconi – Sabato 10 ottobre 09 – Ore 17.30
Spettacolo Il piacere del gusto, i suoni della tradizione. Con: Laura Merione – Violino; Giancarli Piccitto – Chitarra e voce; Pierluigi Giachino – ghironda e voce. Franco Gueglielmetti –
Fisarmonica, Gabriele Dametti – piffero. Presenta: Giorgio Getto Viarengo

Fattorie didattiche della Liguria
Acura delle associazioni C.I.A., Coldiretti e Confagricoltura. Le fattorie didattiche in Piazza Vittorio Veneto
Venerdì 9 ottobre le Fattorie didattiche della Liguria organizzeranno “Dal grano al pane” – “Tanti formaggi dal latte di mucca”a cura di Coldiretti in collaborazione con l’az. Agr.
“Mooretti”  di Santo Stefano d’Aveto (Ge) e “Piante, foglie, fiori e frutti” – Laboratori per bambini e adulti a cura di Coldiretti e dell’az. Agr. Vivai Montina di Cisiano sul Neva (SV)
.
Sabato 10 ottobre  la Cia in collaborazione con l’az. Agr. LA DEBBIA  di Spezia organizzerà l’incontro SCOPRIAMO L’AGRICOLTURA BIOLOGICA, nel pomeriggio _L’OLIVICOLTURA DELLE
AREE COLLINARI: UNA TRADIZIONE “DA PROTEGGERE” in collaborazione con l’az. Agr.ORSEGGI e per concludere si terrà l’incontro  DAL LATTE AL FORMAGGIO l’az. Agr. AUTRA.

Pesto Corner, area in Piazza V. Veneto dove si svolgerà un laboratorio continuo sulla preparazione del Pesto a cura di Virgilio Pronzati e della Confraternita del Pesto.

Pestrocchiamo a cura della Ludoblioteca Civica di Lavagna Libringioco nello slargo pedonale di Piazza Libertà sarà allestita l’area dedicata a Pestrocchiamo. Durante le tre giornate
si svolgerà un ricco programma di eventi dedicati ai più piccoli.

9-11 ottobre 09
“Pestrocchiamo – Giochiamo e creiamo con gli ingredienti del pesto”
Le attività proposte durante le giornate:

  • Gioco dell’oca del pesto
  • Tombola della città di Lavagna
  • Indovinelli a premi sul pesto
  • Le “pestrocche” – le filastrocche sul pesto
  • Laboratori espressivi fra cui “Il libretto di ricette della nonna”, “il segna-ingredienti”, creazioni con la pasta verde
  • Sculture di palloncini
  • Spazio per disegni
  • Giochi

LE FAMIGLIE DEL COMPOSTAGGIO e MEMORY FARM
I giochi sono  tra i premiati del concorso “Il Gusto in Gioco” realizzato nell’ambito di “Alla ricerca del Gusto” progetto di educazione ambientale – alimentare dell’ Assessorato Agricoltura
Provincia di Genova.

E tanto altro.

Dopo il successo delle cinque edizioni precedenti, Regione Liguria, Unioncamere Liguria, Provincia di Genova, Camera di Commercio di Genova e Comune di Lavagna, in collaborazione con le
Organizzazioni Professionali di settore (C.I.A., Coldiretti e Confagricoltura), organizzano la sesta edizione della Rassegna Pesto e dintorni che si terrà dal 9 all’ 11 ottobre  2009
nel cuore di  Lavagna, nel  suo suggestivo centro storico.

Obiettivo della manifestazione è qualificare il pesto e sottolineare la versatilità della famosa salsa ligure; dopo aver ottenuto la D.O.P. dell’olio e quella del basilico genovese,
la Regione Liguria intende promuovere con forza la qualificazione della specialità ligure conosciuta in tutto il mondo. La manifestazione vuole altresì promuovere tutti i prodotti
agroalimentari liguri, compresi quelli ittici, partendo dal territorio, diventando un appuntamento da non perdere per un pubblico che condivide la filosofia di conoscenza del territorio
attraverso i suoi prodotti di qualità.

Pesto e dintorni fa parte del calendario di eventi legati alla valorizzazione dell’enogastronomia ligure promossi dagli Assessorati Regionali all’ Agricoltura e al Turismo e organizzati nelle
quattro province liguri: il Salone dell’Agroalimentare Ligure in provincia di Savona, Liguria da bere in provincia della Spezia e OliOliva in provincia di Imperia, che si aggiungono al
tradizionale Festival dei Fiori di Sanremo.

Perché “Pesto”
Si tratta di una Rassegna dedicata al condimento ligure per eccellenza ed ai “magnifici sette”: basilico, aglio, olio, sale, pinoli, pecorino e formaggio grana, elementi necessari ed unici per
creare l’autentico pesto.

Per la manifestazione sarà allestita un’area espositiva dedicata alle aziende che producono il pesto, il basilico, l’olio di oliva e gli altri ingredienti che fanno parte della
preparazione del condimento.
I produttori presenti garantiranno i seguenti requisiti: produrre pesto, attenendosi al disciplinare di produzione; produrre olio di oliva D.O.P. o olio di oliva extravergine; produrre basilico
genovese con caratteristiche idonee per la D.O.P.

Perché “dintorni”
Nei “dintorni” ci saranno, oltre ai prodotti che gravitano intorno al pesto, tutte quelle specialità della tradizione agroalimentare e ittica ligure: dalla pasta tradizionale, che meglio
valorizza la degustazione del condimento, all’abbinamento con il vino fino ad arrivare a tutte quelle preparazioni tipiche che fanno parte della cultura gastronomica regionale. Per questo motivo
all’interno di Pesto e dintorni sarà presente un’area dedicata a produzioni agroalimentari e ittiche di qualità che caratterizzano il territorio ligure.  

Un po’ di numeri:…gli espositori rappresentati sono oltre 100, oltre 40 eventi collaterali, 7 aree tematiche dedicate ai “magnifici 7” ossia ai sette ingredienti per fare il pesto: Foglie di
Basilico  genovese d.o.p., pinoli, parmigiano reggiano stravecchio, pecorino sardo, aglio di Vessalico (IM), , una presa di sale grosso, olio extravergine di oliva Riviera Ligure
d.o.p.

GLI EVENTI COLLATERALI
Premio Pesto e dintorni, presentazioni, incontri tematici, laboratori di degustazione, musica, mostre, corsi di cucina, cortometraggi&pubblicazioni sull’enogastronomia ligure, menu a tema,
serate gastronomiche, spazi bimbi, vetrine a tema, arena eventi… Pesto e dintorni è ad ingresso libero

Gli incontri dell’Auditorium Campodonico
In occasione di Pesto e dintorni la sala sarà animata con iniziative culturali legate all’enogastronomica ligure
Sabato 10 ottobre
Ore 16.30
Dibattito sul basilico e pesto” DALLA BASILICA AL BASILICO” autore ANTONIO DALLORSO, edizione GAMMARO’ di Sestri Levante, Illustrazioni dello scultore Francesco Dallorso e fotografie di
Massimo Rivara.
A cura di ANTONIO DALLORSO e del Comune di Lavagna

Ore 21.00
Nel respiro del fiume
Presentazione del libro di Guido Lombardi e Anna Lajolo, edizioni Gammarò.
Con proiezione del  video “I diari dl Fiume”.
Intervengono
Enrico Rovegno, scrittore
Vincenzo Gueglio, editore
Mauro Caveri Assessore alla cultura del Comune di Lavagna

Qualche notizia su Anna Lajolo e Guido Lombardi
Iniziano a lavorare in coppia col cinema underground nel gruppo della Cooperativa Cinema Indipendente, alla fine degli anni Sessanta. I loro film di allora: A; B; C La casa del fuoco; D Non
diversi giorni…; & Là il cielo e la terra si univano; I Blues Cronache del sentimento politico e altri, sono presso la Cineteca Nazionale. Dall’underground ai documentari
etnografici in Messico, alle storie sociali: un edile morto sul lavoro di E nua ca simu a forza du mundu, del 1971, a L’isola dell’isola, 1974/1977, ritratto in movimento della comunità
carlofortina, realizzato per i Programmi Sperimentali della Rai, la loro attività cinematografica è caratterizzata spesso dalla sperimentazione di nuovi mezzi e modi di ripresa e
dalla ricerca sul linguaggio.

Con Alfredo Leonardi fondano il “Videobase”, gruppo video di “cinema militante” che attraversa comitati di quartiere in lotta per la casa, Magliana, Primavalle, Nuova Ostia, situazioni e
movimenti di base degli anni Settanta, carcere, ospedale, fabbrica, emigranti italiani a Berlino. Dove, nel 1975, sono ospiti residenti dell’Accademia degli Stranieri (DAAD).

Tra i numerosi filmati per la Rai: Il lavoro contro la vita, 1979, su Porto Marghera.
Un treno nel cuore del sud, 1985, viaggio sulle ferrovie secondarie meridionali tra paesi e gente ai margini della realtà.
Silenzio si sogna, 1986, venti personaggi famosi parlano del rapporto tra la loro attività e i sogni.
Per il DSE e Ragione Liguria, cinque puntate con attori Per una sana alimentazione, 1988.
Il cinema è una bomba, da Ferrania a Cinecittà, 1989, la storia delle pellicole cinematografiche Ferrania.

Negli anni Ottanta realizzano più di trenta programmi per la sede Rai della Liguria. Ambientati nel Tigullio e il suo entroterra. I misteri della provincia e Storie scritte su foglie di
basilico. Tra cui Due amici e un cane sulle colline dei ravioli e Due amici e un cane nel mare della buridda. Documentari o storie liberamente sceneggiate.
L’interesse per le piccole comunità come Carloforte, li ha portati verso altre migrazioni in microcosmi remoti e solitari come l’isola di Tristan da Cunha, dove nel 1992 realizzano il
documentario Tristan da Cunha l’isola in capo al mondo, per Geo (RAI 3)

Poi altri documentari su altre isole remote, realizzati per Geo – RAI 3. Robinson Crusoe nel Pacifico. Fernando de Noronha nell’Atlantico, Pitcairn, l’isola degli ammutinati del Bounty, ancora
nel Pacifico.
>BR> Alla fine degli anni Ottanta fondano con Gianfranco Baruchello il gruppo “Altrementi” e con una serie di corti sconfinano nella “videoarte”.

Dal 1982 al 1991 realizzano i video della Compagnia Teatrale “Zattera di Babele”, Quartucci-Tatò.
Nel 2004, Cent’anni di fuoco e di passione, di Guido Lombardi, realizzato nella cucina della famosa trattoria “Luchin” di Chiavari. Omaggio a una tradizione centenaria di cucina ligure, 1907-
2007.

Nel 2005, sussurrate con me fontane romane, centoventi fontane grandi e minori e gli acquedotti di Roma raccontano la loro storia. Nel 2006, Qualcosa su Garibaldi, da Roma alle origini del casato
dei Garibaldi a Chiavari e in Valgraveglia, sul racconto di Annita Garibaldi, pronipote di Giuseppe e Anita

I loro film sono stati invitati a rassegne in molte città italiane e festival cinematografici nazionali e internazionali, tra cui: Monaco di Baviera, Berlino, Pesaro, San Sebastiano,
Torino, Roma, Grenoble, Taormina, Rotterdam, Bellaria, Salsomaggiore, Madrid, Barcellona, New York, Parigi, Vienna, Regno Unito, Venezuela, Australia.
Hanno Pubblicato libri di narrativa. Di Guido Lombardi: Americhe e ritorni, 1989, Marietti. Storie di emigranti del chiavarese. Aria leggera, 1998, De Ferrari. Romanzo sui minatori della
Valgraveglia.

Di Anna Lajolo e Guido Lombardi: La nave di pietra, 1999, De Ferrari. Racconti ambientati in Valgraveglia e nelle Americhe. L’uomo che sa leggere la montagna, 2000, Silma. Storia della miniera di
Gambatesa. L’isola in capo al mondo, 1994, Nuova ERI. Sull’isola di Tristan da Cunha. Tristan da Cunha l’isola leggendaria, 1999, Museo Marinaro Tommasino-Andreatta e l’obiettivo. Volume
illustrato. Dal grande albero, 2001, Valgraveglia E’. Storie di gente intorno a una quercia millenaria della Valgraveglia. Dove va il tempo, 2005, Valgraveglia E’, racconti ambientati nella valle
sul filo del tempo che scorre, dalle stelle alle piccole cose quotidiane. Le Lettere di Tristan, 2006, Le Mani editore, la mitica Tristan da Cunha narrata sul filo delle lettere scritte nell’arco
di dieci anni dagli isolani agli autori a seguito del loro soggiorno all’isola.  I diari del Fiume, 2007, documentario sull’Entella, la piana e gli orti e, infine il libro, ispirato dai
diari,  Nel respiro del Fiume, edizioni Gammarò, 2009.

Auditorium  Campodonico

Domenica 11 ottobre

Ore 16.30
Storie scritte su foglie di basilico.
Cortometraggi di Guido Lombardi e Anna Lajolo
Due amici e un cane nel mare della buridda e Due amici e un cane sulle colline dei ravioli.
A cura del Comune di Lavagna

DUE AMICI E UN CANE NEL MARE DELLA BURIDDA
DUE AMICI E UN CANE SULLE COLLINE DEI RAVIOLI

Video di Anna Lajolo – Guido Lombardi
Durata 30 + 30 minuti, 1982
Produzione Sede Rai Liguria

Due simpatici buongustai, in compagnia del cane Rufolo, se ne vanno in giro per trattorie di mare e di collina, a gustare una gran quantità di piatti tipici della cucina tradizionale del
Levante Ligure. Il loro viaggio nel cibo, esagerato, pantagruelico, di gola, di pancia è anche di testa e assume così una dimensione culturale. Nel continuo mangiare e mangiare,
insaziabili e curiosi, deliziati dai sapori, esprimono le sensazioni prodotte dai piatti che gli vengono abbondantemente serviti in tavola. Sensazioni piacevoli delle ricette di un’antica
tradizione preparate con arte. Siano i semplici e arcaici testaieu, o il sontuoso Capon Magro, o i decorativi corzetti. Di trattoria in trattoria, dal palato alla testa, il racconto diventa
cultura del cibo.

I due gastronauti  fanno a gara nell’indovinare di ogni pietanza aromi, ingredienti, prodotti della terra e del mare di una cucina tradizionalmente e intimamente legata al territorio, che ha
saputo elaborare, con una tramandata sapienza, ricette durature. Piatti rappresentativi di una regione, in queste due storie il Levante Ligure. Appetiti robusti, i due amici mangiano e
descrivono, portate su portate, le caratteristiche di una cucina che ha fondato la sua ricchezza componendo, elaborando prodotti anche poveri e profumi semplici.

I due attori naturali (nella vita uno ingegnere, l’altro commerciante) calati nella parte di insaziabili mangioni, tra battute sceneggiate e recitazione a soggetto, in compagnia del cane Rufolo,
che a suo modo partecipa con assaggi, sono i protagonisti dei due sceneggiati, filmati in ambienti reali. Nella finzione sono due grandi abbuffate consumate in due pasti. I vari cibi toccano ed
esaltano tutti i sensi dei due commensali, fino all’astrazione di un intimo piacere mentale.

I programmi sono stati prodotti dalla Sede Rai di Genova e dopo quasi trent’anni, testimoniano e dimostrano che quei piatti liguri andati in scena, sono ancora ben presenti sulle tavole giuste, e
sono da proteggere come un patrimonio apprezzato oltre la dimensione regionale. Basti citare, ancora una volta, l’internazionalità del pesto genovese e non solo.

Pesto e dintorni è:
una Rassegna dedicata al condimento ligure per eccellenza ed ai “magnifici sette”: basilico, aglio, olio, sale, pinoli, pecorino e formaggio grana, elementi necessari ed unici per creare
l’autentico pesto
Esposizione di prodotti agroalimentari ed ittici della Regione Liguria
Corsi & Seminari
Laboratori di degustazione & Pesto Corner
Mostre d’arte e musica
Vetrine a tema “Pesto e dintorni” a cura dei commercianti di Lavagna
Premio “Pesto e dintorni”;
Animazione per bambini: con le Fattorie didattiche della Liguria e Pestrocchiando  a cura della Ludoblioteca Civica di Lavagna Libriingioco

Altri eventi collaterali a Pesto e dintorni:
TRENETTE A MEZZANOTTE organizzatori Unione Ristoratori Lavagnesi 0185 307110
Menu a tema e settimana gastronomica presso i ristoranti di Lavagna (si veda l’elenco completo sul sito della manifestazione).

Inoltre Venerdì 9 ottobre
Ore 16,00   presso auditorium Campodonico Lavagna
In occasione della “Giornata per l’Acquacoltura di qualità, una risorsa per la Liguria”
“Rinnovo della Firma del Disciplinare di produzione di allevamento per una acquacoltura di qualità”
Interverranno:
Giancarlo Cassini, Assessore alla Pesca Regione Liguria
Santo Grammatico, Coordinatore generale Legambiente Liguria
Roberto Cò, Presidente Aqua srl

Orario di apertura al pubblico: venerdì 9 ottobre dalle ore 15.00 alle ore 20.00, sabato 10 e domenica 11 ottobre dalle ore 10.00 alle ore 20.00. ingresso libero

Ricetta del Pesto
Ingredienti

Foglie di Basilico  genovese d.o.p., pinoli, parmigiano reggiano stravecchio, pecorino sardo, aglio di Vessalico (IM), , una presa di sale grosso, olio extravergine di oliva Riviera Ligure
d.o.p.

Utensili
Mortaio di marmo e pestello di legno

Il Pesto è il condimento ideale per trenette, trofie, mandilli de sea, corsetti, lasagne e gnocchi.

Nota: si raccomanda la degustazione di Pesto presso gli stand di Pesto e dintorni.

pestoedintorni.org

Related Posts
Leave a reply