Libano, Hezbollah lascia Beirut all'esercito

Si apre uno spiraglio nella crisi libanese, dove dopo quattro giorni di violenti scontri i miliziani di Hezbollah hanno deciso di lasciare Beirut ovest, riconsegnando all’esercito il controllo
della capitale. Hezbollah ha però spiegato che la campagna di «disobbedienza civile» continuerà fino a che tutte le misure anti-sciite del governo non saranno
cancellate.

La decisione è frutto dell’intervento dell’esercito, che ha accolto alcune richieste dei miliziani. L’esercito si è attivato dopo che il premier Siniora, parlando in diretta Tv,
aveva duramente criticato l’inerzia dei militari accusandoli di non aver eseguito i suoi ordini. «Non dichiareremo guerra a Hezbollah» aveva detto il primo ministro, aggiungendo
però:«Il Paese non cadrà nelle mani dei golpisti». Ed è salito ad una trentina di vittime il bilancio totale degli scontri: l’ultimo episodio si è
verificato Halba, nel nord del Libano, dove 14 persone sono morte in scontri fra sostenitori della maggioranza governativa e attivisti filo-siriani.

Related Posts
Leave a reply