L’Italia dei dialetti? Ma se non sappiamo parlare e scrivere e non conosciamo l’inglese…

L’Italia dei dialetti? Ma se non sappiamo parlare e scrivere e non conosciamo l’inglese…

Firenze – Nel clima d’agosto dove ogni cosa detta da qualcuno che abbia un minimo di potere e credibilita’ politica diventa argomento di possibile svolta legislativa, quella dei dialetti da inserire nell’istruzione obbligatoria e nell’informazione di Stato, e’ una che fa numero con altre (qualcuno ricorda la coltura/cultura del bergamotto che il ministro Umberto Bossi aveva tirato fuori come soluzione alle difficolta’ economiche del sud? Giornalate, inchieste, dichiarazioni, etc… il bergamotto e’ sempre li’, nei suoi campi calabresi e nel suo limitato mercato).

Precisando che il dialetto, di per se’, ha sempre una derivazione da una lingua madre (altrimenti diventa lingua come quelle in Sardegna, che e’ un’altra cosa), e’ proprio quest’ultima che conviene conoscere per meglio comprendere il proprio e gli altri dialetti di medesima derivazione. E qui “casca l’asino”.

Negli ultimi decenni, soprattutto con l’avvento di Internet e la possibilita’ di scambio veloce di messaggi, la correttezza della propria lingua e’ diventata una sorta di optional. Spesso si sintetizzano le parole e le frasi, per esigenza di velocita’ e di spazio – complice l’abilita’ del singolo – possono diventare dialoghi fra iniziati del mezzo (vedi anche sms). Ma molto piu’ spesso le persone scrivono senza nessuna cura della grammatica, dell’analisi logica, della punteggiatura, etc.. mandando a ramengo quelle minime regole della comprensione che facilitano la comunicazione interpersonale.

Lo diciamo noi, associazione di consumatori che riceve giornalmente qualche centinaio di lettere (la maggior parte via web) con cui ci vengono chiesti consigli; lettere che poi pubblichiamo, dopo un minimo di correzione che le rendano comprensibili, nella rubrica online “Cara Aduc”.

Piu’ della meta’ di queste lettere sono piene di strafalcioni di tutti i tipi, anche scritte da persone che ci indicano svolgere una professione/mestiere in cui la scrittura dovrebbe essere importante: i piu’ diffusi strafalcioni sono legati alle espressioni gergali e dialettali, nonche’ alle parole che originano da lingue straniere (essenzialmente inglese) e che vengono riportate
nei modi piu’ fantasiosi, essenzialmente legate alla fonetica.

Tra queste anche le lettere di chi, straniero in Italia, ci scrive per avere una consulenza sui propri diritti e doveri, come immigrato e come nuovo residente. A questa Italia il Governo risponde con lo studio del dialetto a scuola e con l’informazione di Stato in dialetto?

Mah!! Gli italiani che sono tali, e i residenti nel nostro Paese provenienti da mondi molto diversi dai nostri (che sono sempre di piu’ e che fermarli e’ utopia), crediamo abbiano altre esigenze, sempre che si concepisca la nostra societa’ come quella in cui gli individui possano e debbano vivere comunicando fra loro e comprendendosi anche nei rapporti con le istituzioni.

E su questo andrebbero fatti investimenti oltre che sullo studio della lingua inglese, pur nel rispetto dei singoli dialetti: ma rispetto e’ altra cosa da sostituzione e creazione di “gabbie linguistiche” che diventerebbero sempre piu’ impenetrabili e ostili.

Vincenzo Donvito, presidente Aduc

Leggi Anche
Scrivi un commento