La Lombardia è stata una delle regioni più sensibili alla diffusione dei prodotti biologici attraverso la distribuzione automatica.
Secondo una ricerca commissionata ad AcNielsen, ad utilizzare con maggior frequenza il canale del vending sarebbero impiegati, dirigenti e insegnanti con un notevole 62% che è secondo
solo al valore registrato dagli operai (64%) e dagli studenti, il cui 63,3% dichiara di farne un uso continuato ed abituale.
Ed è stato proprio su questa fascia di pubblico che Confida, l’associazione che rappresenta l’intera filiera del settore della distribuzione automatica ha voluto puntare, in risposta
all’appello della Coldiretti di introdurre alimenti a base di frutta e verdura per fare del vending uno strumento di comunicazione ed educazione ad un corretto stile alimentare. È
così che soprattutto nelle scuole hanno iniziato a diffondersi i distributori di frutta e verdura, ma anche di yogurt, succhi e prodotti biologici.
In Lombardia, secondo quanto ha comunicato Agriteam, sono già 23 le scuole che hanno istallato questo tipo di distributori automatici: 8 a Milano città, 8 a Varese città, 3
a Brescia e 4 nel territori delle province di Milano e Varese. Una prima rilevazione della risposta dei bambini e delle famiglie agli snack di frutta e verdura indica un risultato molto
positivo, con grande apprezzamento della proposta, anche se sul lungo periodo si rileva la necessità di sensibilizzare ancora di più le famiglie su questo fronte di consumo. Il
giudizio sui prodotti offerti è estremamente positivo.

Tratto da: www.puntobar.com