MARR: Approvato il bilancio consolidato al 31 dicembre 2010

MARR: Approvato il bilancio consolidato al 31 dicembre 2010

Rimini – Il Consiglio di Amministrazione di MARR S.p.A. (Milano: MARR.MI), società leader in Italia nella commercializzazione e distribuzione di
prodotti alimentari al foodservice, ha approvato il bilancio consolidato ed il progetto del bilancio d’esercizio 2010, che verrà sottoposto all’Assemblea degli Azionisti il prossimo 28
aprile.

Principali risultati consolidati dell’esercizio 2010

L’esercizio 2010 si è chiuso con 1.193,0 milioni di Euro di ricavi totali consolidati, in aumento di oltre 54 milioni ( 4,8%) rispetto a 1.138,4 milioni di Euro del 2009.

L’EBITDA consolidato è risultato pari a 83,0 milioni di Euro con un incremento del 12,4% rispetto ai 73,8 milioni di Euro del 2009, grazie al miglioramento del margine delle vendite e al
contenimento dei costi operativi che portano l’EBITDA margin al 6,9%.

Il risultato operativo (EBIT) ha raggiunto i 71,1 milioni di Euro con una crescita del 12,5% rispetto ai 63,2 milioni di Euro del 2009.

In miglioramento il risultato della gestione finanziaria che, anche grazie alla diminuzione dei tassi di interesse, ha fatto registrare oneri finanziari netti pari a 2,2 milioni di Euro, con
una riduzione di 2,5 milioni di Euro rispetto al 2009.

Il risultato netto consolidato ha raggiunto i 45,7 milioni di Euro, in aumento di oltre 7 milioni ( 18,5%) rispetto ai 38,5 milioni di Euro del 2009; mentre, al netto delle quote di pertinenza
dei terzi, l’utile di Gruppo è stato pari a 45,1 milioni di Euro (38,1 milioni di Euro nel 2009).

Le imposte dell’esercizio sono state di 23,2 milioni di Euro rispetto ai 19,9 milioni del 2009.

A fine 2010 l’indebitamento finanziario netto è di 156,3 milioni di Euro in linea quindi con l’importo dell’anno precedente e con un rapporto posizione finanziaria netta su EBITDA pari a
1,88 (2,12 a fine 2009).

In miglioramento il capitale circolante netto commerciale che si è attestato a 190,1 milioni di Euro, in riduzione rispetto ai 190,4 milioni di Euro del 2009 nonostante l’incremento del
volume d’affari.

Migliora anche la generazione di cassa con un free cash flow prima dei dividendi pari a 30,6 milioni di Euro rispetto ai 23,1 milioni di Euro del 2009.

Il patrimonio netto consolidato a fine esercizio è pari a 207,7 milioni di Euro (192,7 milioni di Euro nel 2009).

Risultati della Capogruppo MARR S.p.A. e proposta di dividendo

La Capogruppo MARR S.p.A. ha realizzato ricavi totali per 1.102,3 milioni di Euro rispetto a 1.054,4 milioni di Euro del 2009 ( 4,5%) ed un utile netto di 45,1 milioni di Euro, in incremento
del 17,0% rispetto ai 38,5 milioni di Euro del 2009.

Il Consiglio di Amministrazione ha proposto all’Assemblea degli Azionisti la distribuzione di un dividendo lordo di 0,50 Euro per azione ( 8,7%) rispetto a 0,46 Euro dello scorso esercizio e a
0,43 Euro di quello ancora precedente, con un pay out ratio di circa il 72% e accantonamento a Riserva dell’Utile non distribuito.

La data per il pagamento del dividendo è stata indicata nel 26 maggio con stacco cedola il 23 maggio.

A cinque anni dalla quotazione ha commentato l’Amministratore Delegato Ugo Ravanelli anche il 2010 si è chiuso nella continuità della crescita con risultati record in termini di
ricavi, redditività operativa ed utile netto.

In questi anni ha aggiunto Ravanelli il Gruppo MARR, pur affrontando condizioni di mercato sempre diverse, ha dato stabilità di crescita e di risultati grazie anche ad una proposta
commerciale molto ampia oltre 10.000 prodotti e 2.200 fornitori che attraverso l’azione di un’organizzazione commerciale capillare e competente è in grado di rispondere alle diverse
esigenze della clientela.

Risultati per segmento di attività nell’esercizio 2010

Nel 2010 la spesa per l’alimentare fuori casa ha confermato una crescita (Alberghi, pasti e consumazioni fuori casa: 1,8%) superiore a quella complessiva ( 0,3%) dei consumi delle famiglie
italiane (Ufficio Studi Confcommercio, febbraio 2011).

Va rilevato che tra i paesi dell’eurozona, ove si riscontra una generale diminuzione del fuori casa a favore dei consumi alimentari domestici, il positivo andamento della ristorazione extra
domestica in Italia rappresenta un’eccezione, che trova le sue ragioni principalmente nella struttura di un modello di consumo in cui la componente conviviale è particolarmente
accentuata (Ufficio Studi FIPE, febbraio 2011).

In tale contesto le vendite del Gruppo MARR hanno raggiunto 1.175,6 milioni di Euro, facendo registrare, rispetto a 1.125,1 milioni di Euro del 2009, una crescita del 4,5% ben superiore quindi
a quella del mercato del foodservice.

Le vendite verso i clienti della Ristorazione commerciale e collettiva (clienti delle categorie Street Market e National Account) nell’anno 2010 sono state pari a 932,4 milioni di Euro, con una
crescita del 3,6% rispetto agli 899,9 milioni di Euro del 2009.

Tra i clienti della Ristorazione, le vendite alla categoria dello Street Market (ristoranti e hotel non appartenenti a Gruppi o Catene) hanno fatto registrare una crescita del 3,8% raggiungendo
i 720,9 milioni di Euro, mentre quelle alla categoria dei National Account (operatori della ristorazione commerciale strutturata e della ristorazione collettiva) sono state pari a 211,6 milioni
di Euro (205,3 milioni di Euro nel 2009).

Le vendite ai clienti della categoria dei Wholesale (grossisti) hanno raggiunto i 243,1 milioni di Euro, in crescita rispetto ai 225,2 milioni del 2009.

Eventi successivi alla chiusura dell’esercizio

Nel mese di gennaio 2011 MARR S.p.A. si è aggiudicata in via definitiva la gara Consip (Società Pubblica per la razionalizzazione della Spesa) relativa alla convenzione di
fornitura di prodotti alimentari alle Pubbliche Amministrazioni. La convenzione, che ha una durata di dodici mesi (rinnovabili per ulteriori dodici) è autorizzata fino ad un massimo di
spesa di 34,5 milioni di Euro.

Lo scorso 26 febbraio si è tenuto a Rimini il Convegno Nazionale dell’organizzazione di vendita MARR (Sicuramente i migliori!), evento che ha visto la partecipazione di circa 700 persone
tra venditori e management commerciale e nel corso del quale sono stati presentati i nuovi prodotti a marchio proprio per il 2011:

  • la linea [email protected] per la prima colazione – un segmento con importanti spazi di crescita che si amplia e rinnova con confetture extra monoporzione a marchio Barnes, mini pasticceria a
    marchio La Doucerie, torte surgelate e yogurt biologici e gluten free;
  • il filetto di Tilapia, un pesce d’acquacoltura che a livello mondiale ha grandi volumi di produzione ma che è ancora poco conosciuto in Italia, ove sarà commercializzato da
    MARR con il marchio C BOX. Sempre in ambito ittico è stato presentato il filetto di Rombo ocellato atlantico, un prodotto di grande qualità e distribuito in esclusiva con la linea
    MARR Selection;
  • la gamma delle novità si completa con una linea di verdure gratin a marchio Tavola Reale: prodotti ad alto contenuto di servizio, con ingredienti selezionati e pratici da preparare
    (ready to cook).

Evoluzione prevedibile della gestione

I risultati del Gruppo nei primi due mesi dell’anno, seppure poco significativi per il loro contributo sull’intero esercizio, sono incoraggianti ed allineati agli obiettivi prefissati.

In un mercato la cui ripresa si presenta ancora debole e discontinua, il management della società si conferma orientato a: rafforzare la propria leadership di mercato, mantenere sotto
controllo la gestione del capitale circolante netto commerciale e confermare,grazie anche al suo modello di business particolarmente flessibile, i livelli di redditività raggiunti nel
corso del 2010.

Redazione Newsfood.com+WebTv

Related Posts
Leave a reply