L’Assessorato alla Creatività di Oliviero Toscani a Salemi rilancia la campagna contro il randagismo presentata a novembre 2008, in occasione dell’avvio del Progetto Terremoto, con un
nuovo claim: “Meglio soli che male accompagnati?”

La campagna intendeva denunciare il randagismo, di cui allora poco si parlava, puntando l’attenzione sulle pessime condizioni di diversi canili-lager.

“Meglio soli che male accompagnati” è stata ideata come campagna faziosa, schierata dalla parte dei randagi, ponendo l’accento sul paradosso che, forse, dal loro punto di vista sarebbe
stato più saggio vivere soli, piuttosto che all’interno di strutture fatiscenti. Ora, all’indomani della morte del piccolo Giuseppe Brafa, il randagismo è diventato di drammatica
attualità. L’Assessorato alla Creatività risottolinea, dunque, l’importanza di realizzare canili etici sul territorio, nel tentativo di prevenire il problema. Piuttosto che
cercare soluzioni improvvisate nel momento in cui la questione è già emergenza, nel momento in cui tutti i riflettori mediatici sono puntati sul problema, le istituzioni
dovrebbero provvedere concretamente alla realizzazione di adeguate strutture ricettive, quali i canili etici. Meglio ancora, propone l’Assessorato, bisognerebbe mandare i cani a scuola,
istituire un Randacirco, che diventi strumento per educare i cani.

“Bisogna fare un lavoro di sensibilizzazione sugli umani – dice Oliviero Toscani -, se ci sono cani randagi è perché la società è randagia, perché permette
questa mancanza di cultura. La nostra campagna è vista dalla parte dei cani, che non hanno un padrone e lo vorrebbero. Non sono stati loro a scegliere di vivere in Sicilia, piuttosto che
in quella determinata strada o piazza”.

“Gli animali hanno l’anima, come noi – secondo il sindaco di Salemi Vittorio Sgarbi -, aiutali a non essere cattivi. Meglio non soli e bene accompagnati, a Salemi lo sappiamo”.

L’Assessorato alla Creatività del Comune di Salemi introduce una novità assoluta: l’arte della comunicazione come metodo di gestione della cosa
pubblica. 20 giovani, accompagnati dall’attenta supervisione di Oliviero Toscani, sono impegnati con progetti ed iniziative nella rifondazione di una città. La creatività, e non
solo il mattone, sarà la base di partenza per la  ricostruzione di Salemi.

Quello di Toscani è l’unico Assessorato alla Creatività esistente al mondo.