Menelao a Santa Chiara: Ristorante emergente della Puglia secondo Bibenda

Menelao a Santa Chiara: Ristorante emergente della Puglia secondo Bibenda

È ospitato in un palazzotto del 1700 nel cuore del centro storico di Turi, a pochi chilometri da Bari. Sa coniugare l’antico dei luoghi e delle materie prime scelte per i suoi piatti alle sperimentazioni proposte dal suo chef. E, soprattutto, nell’ultimo anno ha fatto passi da gigante per migliorarsi: per questo Bibenda lo ha scelto come locale emergente e lo ha nominato ‘Ristorante dell’anno 2015’ per la Puglia.

Questo il prestigioso risultato ottenuto da Menelao a Santa Chiara, il ristorante che il proprietario Michele Boccardi descrive come un luogo nel quale «mescoliamo i profumi della cucina tradizionale e le innovazioni in campo culinario per regalare al nostro cliente un viaggio sensoriale tra passato e futuro. I prodotti locali, sia di mare che di terra, hanno un posto d’onore nel menu».

Ed eccolo il menu, frutto dell’estro e della bravura di Gaetano Servidio, tra gli chef italiani emergenti: uno che di ‘gavetta’ ne ha fatta e tanta, che ha lavorato e imparato da grandi come Gennaro Esposito, Carlo Cracco e Sergio Mei. Ai clienti propone piatti tipici pugliesi rivisitati grazie ad accostamenti, contrasti e cotture innovative che esaltano i sapori e gli odori delle materie prime, alcune provenienti dalla tenuta dei proprietari del locale. Ad accompagnare le sue creazioni una vasta scelta tra i migliori vini, comprese le ultime bottiglie dell’introvabile Primitivo ‘Riserva 2005’ della Chiaromonte di Gioia del Colle e il pregiato ‘Amarone della Valpolicella 2000’ di Allegrini.

L’innovazione che ha portato dritto dritto ad aggiudicarsi il titolo di Ristorante dell’anno 2015 per la Puglia sta anche nelle idee del proprietario Boccardi che, da ultimo, si è inventato il servizio ‘Chef a domicilio’, per permettere a tutti di vedere all’opera lo chef Servidio e assaporare i suoi piatti comodamente a casa propria.

Il riconoscimento è stato consegnato durante la cena di gala organizzata da Bibenda a Roma per presentare la sedicesima edizione della Guida ai Migliori Vini, Grappe e Ristoranti d’Italia: 2.064 pagine per la recensione di 1.654 aziende. Tra le altre, quelle produttrici dei 509 vini e delle 31 grappe premiati con i 5 Grappoli.

In più, le recensioni dei 20 ristoranti meritevoli dei 5 Baci, ovvero il massimo riconoscimento della qualità della loro cucina, dell’accoglienza e della proposta dei vini, e dei 17 che si sono aggiudicati il titolo di Ristorante dell’anno. Titolo, quest’ultimo, ritirato da Boccardi e Servidio alla presenza degli imprenditori che rappresentavano i 10 migliori vini italiani (sui 20.000 censiti) e i 20 migliori ristoranti (sui 1.700 censiti) presenti alla serata di gala. Il motivo del premio, secondo Bibenda, è nella “performance eccellente rispetto ai due anni passati della proposta gastronomica, nella grande professionalità del servizio e per aver centrato il contrasto tra arredi moderni e mura antiche in pietra”. Merito anche della ristrutturazione avvenuta nel 2010, che ha consegnato locali eleganti caratterizzati dalla pietra bianca tipica dei borghi del Sud Italia.

Al ristorante Menelao a Santa Chiara in questi giorni è stata assegnata anche una forchetta dalla Guida 2015 del Gambero rosso, mentre la Guida dei Ristoranti d’Italia 2015 dell’Espresso l’ha inserito per la prima volta tra i migliori ristoranti pugliesi.

Redazione Newsfood.com

Leggi Anche
Scrivi un commento