Ministero del Lavoro e Parti sociali firmano l'intesa sul lavoro domestico

 

E’ stato firmatodal Ministero del Lavoro e dalle Parti sociali l’accordo che stabilisce i minimi retributivi e le indennit` di vitto e di alloggio spettanti ai lavoratori domestici con
decorrenza dal 10 gennaio 2009.
   L’importo mensile minimo spettante ai lavoratori conviventi va, a seconda del livello di inquadramento,da 569,52 euro a 1.087,27 euro, mentre per i lavoratori non conviventi
le retribuzioni orarie vanno da 4,14 euro a 7,36. Per il servizio di assistenza notturna prestato a favore di persone autosufficienti spettano 893,12 euro mensili che salgono, in caso di
assistenza ai non autosufficienti, a 1.012,20 o 1.250,37 euro mensili, a seconda del livello del lavoratore. La sola presenza notturna costa un minimo di 598,01 euro mensili; l’indennit`
di vitto e di alloggio h fissata a 4,896 euro al giorno. Sempre dal 10 gennaio 2009 sono variati anche i contributi previdenziali da versare all’INPS per l’assicurazione invalidit` e
vecchiaia dei lavoratori domestici. Per i rapporti di lavoro fino a 24 ore settimanali, l’importo del contributo h di 1,33 euro l’ora per retribuzioni orarie fino a 7,17 euro; per
retribuzioni fino a 9,75 euro, l’importo sale a 1,50 euro; per retribuzioni superiori, il contributo h di euro 1,83. La quota a carico del lavoratore, che il datore di lavoro pur
trattenere dalla paga, h, per le varie fasce di importo, pari a 0,32 – 0,36 e 0,44 euro per ogni ora di lavoro. In caso di rapporti di lavoro di almeno 25 ore settimanali presso lo stesso
datore di lavoro l’importo orario del contributo h di 0,97 euro, di cui 0,23 a carico del lavoratore. La prossima scadenza per il pagamento dei contributi relativi al primo trimestre 2009
h fissata al 10 aprile. Il pagamento, oltre che presso gli uffici postali, h possibile anche on line collegandosi al sito www.inps.it con una procedura che consente anche la stampa della
ricevuta di versamento.

 

Related Posts
Leave a reply