Prosegue il processo di internazionalizzazione e si rafforza il percorso che vede le maggiori fiere italiane impegnate insieme in iniziative di promozione all’estero dell’agroalimentare.
Lunedì 4 e martedì 5 giugno, il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Paolo De Castro sarà a Mosca in occasione dell’inaugurazione del ‘Vinitaly Cibus
Russia’ e della presentazione dell’iniziativa ‘Auchan per il Made in Italy’.

“Dopo Cina e Giappone adesso la Russia. La strada dell’ internazionalizzazione e’ l’unica percorribile – sottolinea De Castro – e va sostenuta con ogni sforzo. L’ agroalimentare italiano,
in termini di valore aggiunto generato, rappresenta il secondo comparto produttivo del Paese. Ecco perché iniziative come queste, che puntano sulla qualità – aggiunge il
Ministro – sono molto importanti; presentano e portano sui mercati stranieri l’agroalimentare italiano e nello stesso tempo migliorano l’organizzazione e allargano l’offerta perché i
nostri prodotti siano sempre di più sugli scaffali stranieri dove i consumatori li richiedono”.

Il 4 giugno il Ministro parteciperà ad una bilaterale con il Ministro dell’agricoltura russo Aleksej Vasil’evich Gordeev. Successivamente visiterà un ipermercato dove è in
corso l’iniziativa ‘Auchan per il Made in Italy’; in questa settimana infatti, la catena distributiva presente in Italia, metterà sugli scaffali della Russia una promozione specifica dei
prodotti di qualità dell’agroalimentare italiano. Contemporaneamente si terrà un incontro commerciale tra oltre 30 imprese italiane selezionate e i buyers della catena Auchan in
Russia.

Il giorno successivo il Ministro De Castro sarà all’inaugurazione di ‘Vinitaly Cibus Russia’, la rassegna organizzata da Ice (Istituto commercio estero), Veronafiere e Fiere di Parma in
collaborazione con Buonitalia, società del Mipaaf, che vede il coinvolgimento di 140 aziende italiane dell’agroalimentare. Nella mattinata, alle 11.45, presso il polo fieristico New
Manegge, parteciperà alla conferenza stampa di presentazione della Fiera e dell’ evento Auchan.
Un mercato in espansione: nel 2006 l’export agroalimentare italiano verso la Russia ha fatto registrare un aumento del 25%. Ottime le performance di vini e spumanti ( 79%), salumi ( 55%) e
formaggi ( 44%).

“L’Italia è fortemente interessata a cooperare con la Russia – conclude il Ministro De Castro – attraverso joint ventures, trasferimenti di tecnologie e macchinari e con
attività comuni nel campo della ricerca scientifica e sperimentale. Questo mercato rappresenta una grande opportunità per il nostro agroalimentare”.

www.politicheagricole.it