Immediata convocazione di un Tavolo interministeriale per predisporre un piano per la copertura dei danni che gli allevatori hanno subito e subiranno, è quanto sollecita la
Cia-Confederazione italiana agricoltori all’indomani della riunione svoltasi al dicastero della Salute con i ministri Livia Turco e Paolo De Castro sul problema della mozzarelle di bufala
campana.

Tali interventi finanziari -avverte la Cia- non possono essere limitati al periodo delle analisi delle province della Campania in quanto il calo dei consumi, che ha registrato nei giorni scorsi
un meno 40 per cento, sicuramente perdurerà per un periodo per ora non ipotizzabile. Il piano di finanziamento dovrà essere prioritariamente concordato con l’Unione europea per
avere certezze delle misure e rapidità di erogazione.
Secondo la Cia, risulta, inoltre, fondamentale che gli indennizzi previsti per gli allevatori siano parametrati ai reali costi di produzione ed ai prezzi della mozzarella di bufala Dop.

La Cia chiede anche un confronto costante con le autorità sanitarie per il monitoraggio del programma di controllo e vigilanza della presenza di diossina nel latte di bufala e prodotti
derivati. Infatti, crediamo che, sia per le modalità e sia per i tempi, non mancheranno i problemi di attuazione del programma dei controlli e, di conseguenza, sarà fondamentale
il coinvolgimento degli operatori della filiera.
Infine, la Cia sottolinea l’esigenza dell’ avvio immediato di una campagna nazionale di comunicazione e promozione che permetta il rilancio dei consumi e dell’immagine di un prodotto come la
mozzarella di bufala, emblema del nostro sistema agroalimentare.