Mutui: il Codacons chiede più detrazioni fiscali e sanzioni fissate per Legge

Il Presidente dell’Antitrust, Antonio Catricalà, denuncia oggi come siano circa 110mila le famiglie con problemi di insolvenza per il caro mutui e ben 420mila quelle che si trovano in
difficoltà, per un totale di 530mila famiglie, si tratta di una platea vastissima che dimostra la necessità di provvedimenti urgenti.

Il Codacons chiede interventi sul piano fiscale, come l’aumento delle detrazioni per chi ha contratto un mutuo, sanzioni precise per le banche che non rispettano i decreti Bersani ed un aumento
dei poteri sanzionatori dell’Antitrust.

Le banche, infatti, continuano ad ostacolare l’applicazione delle normative vigenti, a cominciare dal decreto Bersani che prevede che «le variazioni dei tassi di interesse conseguenti
a decisioni di politica monetaria riguardano contestualmente sia i tassi debitori che quelli creditori, e si applicano con modalità tali da non recare pregiudizio al cliente».
Per non parlare della portabilità del mutuo che è ancora un miraggio per la gran parte dei consumatori.

Per questo occorre aumentare gli strumenti a disposizione dell’Antitrust per sanzionare i trasgressori, ma anche, come sostenuto dallo stesso Catricalà, sanzioni precise fissate per
legge per ogni violazione di norma. In Italia, infatti, non basta mai dire è vietato, bisogna sempre stabilire la multa per chi contravviene – conclude il Codacons.

Related Posts
Leave a reply