New York: la cucina del Lazio in mostra ad Eataly

New York: la cucina del Lazio in mostra ad Eataly

Le nocciole dei Monti Cimini. Ma anche le lenticchie di Onano, il prosciutto di Bassiano ed i fagioli cannellini di Atina. Senza dimenticare l’olio extravergine ed una selezione di vini.

Queste alcune delle eccellenze della cucina laziale in mostra al palazzo Eataly di New York, sede delle Made in Italy agro-alimentare nella Grande Mela.

La manifestazione, attiva per tutto il mese di gennaio, è nata sotto la spinta dell’assessore alle Politiche Agricole e Valorizzazione dei Prodotti Locali della Regione Lazio, Angela
Birindelli, insieme all’assessore alle Attività Produttive, Pietro Di Paolo.

Scopo dell’iniziativa è diffondere negli USA la qualità degli alimenti laziali, tramite la loro esposizione e degustazione, in modo da incentivarne il consumo e l’acquisto. Passo
successivo è usare tali prodotti calamite per promuovere tra i visitatori il turismo rurale ed enogastronomico nel Lazio.

Inoltre, l’iniziativa si colloca in quadro più ampio di tutela del vero made in Italy contro tarocchi ed imitazioni. Come ricorda l’assessore Birindelli, le lacune legislative fanno si
che sul territorio americano ci siano 8 falsi alimenti italiani per uno autentico. Per questo, si stima un fatturato di 3 miliardi di euro per i prodotti originali contro i 24 miliardi di
quelli falsificati.

Da qui l’esposizione dei fuoriclasse della tavola, come scudo contro i falsi.

Conclude e riassume l’assessore Birindelli: “L’obiettivo che ci poniamo con questa iniziativa è quello di provare a percorrere una nuova via nel sistema della distribuzione alimentare e
della commercializzazione dei migliori prodotti artigianali, ispirandoci a parole chiave quali sostenibilità, qualità e tipicità. Il tutto all’interno di un mercato come
quello americano, da sempre molto importante per l’export delle nostre aziende. Dopo questo mese di conoscenza e promozione delle nostre eccellenze, il prossimo passo sarà quello di
aumentare il numero delle referenze laziali all’interno di Eataly e di tutto il mercato statunitense. La nostra volontà è di aprire un nuovo canale distributivo per sostenere le
aziende regionali ad esportare i loro prodotti in America e consentire ai consumatori statunitensi di conoscere e, soprattutto, acquistare i veri prodotti Made in Lazio”.

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento