Nuovo passo per l'aumento delle quote latte e per la compensazione comunitaria

La Commissione agricoltura del Parlamento europeo si è oggi pronunciata a favore dell’incremento del 2% delle quote latte, chiedendo di prevedere la cosiddetta compensazione comunitaria,
strumento che permettere di imputare il prelievo supplementare dovuto dai singoli Paesi sulla base dell’effettivo superamento della quota comunitaria.

Il compromesso, approvato all’unanimità dalla Commissione agricoltura, dovrà essere approvato in seduta plenaria in tempo utile per entrare in vigore già dalla prossima
campagna.

Sebbene il Parlamento europeo esprima solo un parere non vincolante, la proposta è un segnale politico importante, che dovrà essere supportato dalla delegazione italiana in
Consiglio dei Ministri UE.

«È un risultato positivo – ha commentato Giuseppe Ambrosi, presidente di Assolatte – che va nella direzione auspicata e fortemente sostenuta dall’Industria lattiero casearia
nazionale.

Da molto tempo Assolatte sostiene la necessità di un atterraggio morbido, con strumenti che permettano di produrre più latte in Italia, che rendano più flessibile il
sistema delle quote e che possano accompagnare la filiera del latte verso la liberalizzazione del 2015».

Anche in vista di questo incontro della Commissione agricoltura, l’Associazione aveva inviato ai Parlamentari il proprio documento di analisi sul futuro del regime delle quote, chiedendo
aggiustamenti immediati, come proprio la compensazione europea.

Related Posts
Leave a reply