Obesità, madri e figli si percepiscono più magri del reale

Obesità, madri e figli si percepiscono più magri del reale

Problemi di percezione Quando madre e figlio sono colpiti da obesità o sovrappeso si specchiano, la loro immagine è più magra della realtà.

Questo è medaglia a due facce. A livello psicologico, tale inganno migliora l’autostima e riduce la sofferenza. Tuttavia, l’errata percezione rende difficile (per non dire impossibile)
l’inizio di programmi per perdere peso, ritenuti inutili.

A dirlo, una ricerca della Columbia Medical Center diretta dalla dottoressa Nicole Dumas e presentata a “Nutrition, Physical Activity and Metabolism/Cardiovascular Disease Epidemiology and
Prevention”, recente convegno dell’American Heart Association.

La squadra di lavoro ha selezionato donne e bambini, tutti residenti in città americane, sottoposti ad un doppi controllo.

Prima, la misurazione di altezza e peso ha definito oggettivamente il loro stato: obesità, sovrappeso, normopeso. Risultato, il 66% delle donne era sovrappeso/obese; stessa situazione
per il 39% dei bambini.

Poi, i volontari sono stati incoraggiati ad esprimere un parere sullo stato fisico e su quello del parente.

La stragrande maggioranza (88%) delle signore obese sottostimava il proprio peso, stessa situazione per le sovrappeso e le normopese, rispettivamente 43% e 13%.

Stesso fenomeno per la prole: Anche qui, i più (86%) degli obesi si vedevano con molti meno chili della realtà. La percentuale degli errori diventava minima per i normopeso, in
fallo solo nel 15% dei casi.

Andazzo uguale per i giudizi incrociati: madre che valutava il peso del figlio e viceversa.

Se era il piccolo con tanta ciccia, il 50% delle genitrici lo giudicava sottopeso.

A ruoli invertiti, il 41% dei bimbi riteneva troppo in carne. Ciò detto, i figli di madri obesi e sovrappeso identificavano come donna sana le immagini femminili con un bel po’ di peso.

Regola generale: all’aumentare del peso diminuisce la capacità di valutazione del proprio od altrui corpo.

E, sostengono i ricercatori, tale auto-inganno impedisce di partecipare a programmi di dimagrimento e dieta, in quanto il soggetto si vede a posto.

Conclude la dottoressa Dumas: “Sembra che la maggioranza delle mamme e dei bambini con qualche chilo di troppo non si renda conto di dover dimagrire, e di doverlo fare prima di tutto per la
propria salute se si tratta di un sovrappeso consistente o di una vera e propria obesità. Purtroppo sembra che l’obesità sia diventata quasi una norma accettabile, in alcune
famiglie: di fatto esiste una specie di “barriera” psicologica alla riduzione di peso, quando non si riesce a vedere la realtà e si continua a credere di non aver bisogno di perdere i
chili di troppo”.

FONTE: Ellin Holohan, “Many Obese Moms and Kids Underestimate Their Weight”. HealthDay 26/11/011

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento