Obvius, il primo vino che controlla le emissioni di CO2

Obvius, il primo vino che controlla le emissioni di CO2

Vino, qualità e tutela dell’ambiente: in Romagna nasce Obvius, il primo vino che controlla le emissioni di anidride carbonica.

Creato dall‘azienda agricola Salcheto di Montepulciano, Obivius si è presentato ufficialmente ad Ecomondo, omaggio per autorità e
personalità presenti alla riunione principe dei seguaci della Green Economy.

CO2 a parte, il vino nasce secondo un percorso di qualità e rispetto rigoroso. L’unico ingrediente è l’uva, senza solfiti ed additivi. Il tutto lavorato nella Cantina Salcheto:
3400 mq, a base di energie rinnovabile e sistemi che sfruttano le biomasse del’azienda, energia geotermica (da sonde interrate nei filari) e fotovoltaico.

Obvius non è solo economico (la produzione vanta un risparmio di 46 mila euro di bollette all’anno) ma anche amico dell’ambiente. Salcheto ha infatti ottenuto un attestato Csqa che prova
come lo standard ISO 14064 (ossia l’inventario delle emissioni di CO2). Applicando poi uno smartphone alla bottiglia, ci si può collegare ad Internet e consultare il calcolatore, che
indica la quantità di emissioni legate al consumo di quella bottiglia di vino in quel determinato luogo.

Infine, il vino ed i suoi creatori collaborano al progetto del Ministero dell’Ambiente relativo al calcolo dell’impronta di carbonio.

Matteo Clerici

Leggi Anche
Scrivi un commento