“Le Regioni hanno accolto il nostro decreto che ripristina la soglia dello 0,1% di contaminazione Ogm nell’agricoltura biologica”. Lo ha dichiarato il ministro Paolo De Castro dopo
l’approvazione, da parte del Comitato tecnico di coordinamento in materia di agricoltura della Conferenza Stato-Regioni, dello schema di decreto presentato in tal senso dal ministro.

De Castro la ritiene “una scelta per garantire la qualità dei nostri prodotti biologici, indipendentemente dalle scelte europee che non abbiamo condiviso né votato”. Infatti alla
fine di marzo il Parlamento Europeo, con il consenso degli operatori e dei consumatori di prodotti biologici, aveva respinto la proposta della Commissione Europea di inserire anche nei prodotti
biologici – così come è già per i prodotti convenzionali- una soglia di tolleranza Ogm dello 0,9% dovuto ad inquinamento accidentale.

In una nota dell’assessore all’Agricoltura della Regione Emilia-Romagna, Tiberio Rabboni, viene sottolineato che “l’iniziativa è stata sostenuta da numerose Regioni, associazioni di
categoria e di consumatori”. Il confronto tra Regioni e Ministro, viene ancora detto nella nota “ha prodotto un testo che rafforza la posizione che il nostro Paese ha sostenuto in sede
comunitaria e che ci pone al primo posto nella difesa degli interessi della nostra agricoltura”.

Andrea Ferrante, presidente dell’Associazione Italiana Agricoltura Biologica commenta così la notizia: “Salutiamo con favore la decisione delle Regioni, che contribuisce
significativamente a mantenere il biologico italiano libero da ogni possibile contaminazione di Ogm”.
L’Italia adottando la soglia dello 0,1%, per i suoi produttori biologici, metterebbe a rischio i prodotti provenienti dall’estero, da quei Paesi che non avendo adottato spontaneamente analoghe
procedure, si attengono alle direttive UE che consentono una contaminazione superiore, entro lo 0,9%”.

Questo da un lato valorizzerà la produzione italiana e dall’altro imporrà maggiori controlli e analisi su tutti i prodotti che arrivano dall’estero.

www.helpconsumatori.it