OLEARIA PERSIANI: Dritta, Extra vergine Bio

OLEARIA PERSIANI: Dritta, Extra vergine Bio

OLEARIA PERSIANI: Olio extra vergine biologico della massima qualità

 

22 novembre 2018

AZIENDA OLEARIA PERSIANI, UN NOME PER DIRE OLIO DI OLIVA EXTRA VERGINE

SULLE COLLINE TERAMANE. ATRI UNA PRODUZIONE DI OLIO “EVO” CON METODO DI COLTURA BIOLOGICA

E’ noto a molti, che leggono da anni le mie recensioni sui grandi prodotti  Dop-Docg italiani che “non credo all’abbinamento scolastico e schematico del vino con piatti e ricette, e quindi … vale anche per l’olio di oliva extra vergine”.

 

E’ vero che ci sono oli “EVO” ( che vuol dire extra vergini d’oliva)  diversi, sicuramente, anche facili da riconoscere uno dall’altro per chi è abituato degustatore o saggiamentale, come a me piace chiamare i sommelier e assaggiatori di bevande come la antica storia romana ci insegna… senza usare francesismi e prendere in prestito altri termini.

 

Da ex produttore e agricoltore, frequentatore nei primi anni ’80 delle lezioni universitaria su cibo-bevande e dei seminari e incontri tematici di Veronelli e degli amici di Arcigola di Bra, esperto di consorzi di tutela, manager di grandi imprese, conoscitore della distribuzione, appassionato di cucina, amico di tanti ristoratori e cuochi… ho avuto modo di conoscere e camminare in tante vigne, acetaie, uliveti, frantoi, “grappifici”… una esperienza eccezionale.

Maestri unici che mi hanno si insegnato a riconoscere aromi, profumi, sapori, odori, di assaporarne il gusto e il piacere, di saperli anche abbinare a certe bevande. Certe essenze hanno bisogno di una profonda conoscenza di legami, di matrimoni a tavola e nei piatti… ma il piacere personale, la soddisfazione del palato, la saggialimentà del piatto sono tutti fattori soggettivi, privati, di ognuno di noi.

 

E’ facile dire che un olio EVO delicato va bene con una insalata, un EVO più acido con la carne, quello più saporito con il pesce lesso, il più denso e colorato con gli ortaggi cotti… in linea di principio sì, ma poi ognuno di noi deve gustare con piacere. E allora ogni dogma salta e di fronte alla qualità assoluta o alla piacevolezza del proprio palato e olfatto ogni mariage si perde e vince il  “a me mi piace”.

Come esperto, come si dice, devo fermarmi ai parametri oggettivi, ma nessuno toglie, niente lo dice che la bontà assoluta coincida con il piacere personale.
E’ il caso degli oli EVO (scusate ma la parola EVO da sola è poco chiaro)  dei Persiani, della azienda Persiani guidata oggi da Mattia e Helvia Persiani, avvocato ed emerito di diritto del lavoro della Sapienza di Roma lui, insegnante lei.

Helvia Persiani  mi sintetizza una grande storia-passione, si direbbe un cinguettio storytelling : “Io e mio marito siamo stati sempre amanti del buon olio e dal 1991 ci siamo resi conto che avremmo voluto fare della nostra passione un’azienda capace di produrre un olio di qualità secondo i principi dell’agricoltura biologica, praticamente un extravergine che fosse una spremuta di olive per il benessere dei nostri figli, nipoti, amici e anche dei nostri clienti. L’olio EVO di qualità è sicuramente un buon investimento per la salute”.   


About Olearia Persiani

Persiani, azienda di 20 ettari per 4250 piante di diverse epoche, posta a 6 km da Atri, su una collina fra il Gran Sasso e l’Adriatico, fra calanchi e microclimi che cambiano nella giornata, soprattutto in estate e fine estate. Atri è una bellissima cittadina, è obbligatorio conoscerla, visitarla almeno una volta per la sua bellissima cattedrale di Santa Maria Assunta, al cui interno si trova un mirabile ciclo di affreschi di Andrea de Litio, uno dei maggiori pittori del Rinascimento abruzzese, per i suoi palazzi, le chiese, i musei e lo scenario naturale paesaggistico che l’avvolge. I Persiani producono olio EVO, cioè extra vergine d’oliva, da agricoltura a coltivazione biologica, cioè gli ulivi sono curati senza interventi chimici, ma solo con presidi naturali e lavorazioni tecniche e fisiche, per essere chiari. Grande lavorazione del terreno, concimazioni solo naturali e necessarie al mantenimento senza forzature e una potatura leggera misurata continua annuale. In frantoio la molitura è a ciclo continuo, ad estrazione soffice senza aggiunta di acqua. Anche lo stoccaggio avviene con l’utilizzo di alte tecnologie non invasive e con l’uso di cisterne azotate. Tutti procedimenti che dimostrano molta attenzione al prodotto naturale.


 

Premi e riconoscimenti

I Persiani hanno sfondato e sbancato diverse premiazioni nel 2018, come il Concorso Oleario Internazionale Les Huiles du Monde a Parigi che ha assegnato all’EVO Dritta, monocultivar in purezza, il Bronzo nella categoria “4-Mûr intense” su oltre 2000 etichette provenienti da tutto il mondo.

nemo est profeta in patria”, ma per gli oli EVO dei Persiani non è così, infatti  sempre l’olio Dritta è sempre bronzo al concorso nazionale italiano del premio Orciolo d’Oro, mentre medaglia d’argento fra le Dop Igp si è piazzato il Pretuziano Dop Colline Terramane e sempre il Dop Persiani è fra i 100 finalisti dell’Ercole Olivario a giocarsi il primo premio di categoria.

Non male visto che le etichette presentate risultano sempre fra 300-500 presenti. Ottima medaglia silver sempre per la dop Pretuziano al concorso Biol istituito dal C.I.Bi. per tutti gli Evo di origine biologica.

Il nostro assaggio ha riguardato l’olio Evo della “Dritta” dell’ Azienda Persiani ottenuto in purezza dallo stesso monocultivar tipico del territorio abruzzese e delle terre che guardano l’Adriatico e le vette del Gran Sasso: è un EVO molto complesso, in cui è ancor più pregnante il sapore di carciofo romano, quello grande rotondo con spine delicate e molto maturo; e il gradevole fresco cardo che accompagna  un retrogusto di mandorla bianca fresca con un finale molto saporito e non pesante, pietroso minerale tendente all’amaricante senza eccesso di acidità, avvolgente e soprattutto pieno.

L’altro piacevole assaggio è stato l’olio EVO San Martino” , sempre ottenuto da coltivazione biologica dei campi d’ulivi di proprietà, un blend di olive della varietà Dritta per il 45%, Leccino 35%, Frantoio 15% ed altre varietà non minori. Questo olio  colpisce per la fragranza aromatica del fiore di sambuco e di  erbe verdi leggermente salmastre e basaltiche con un piacevole e schietto sapore di rucola aspra finale arrotondato da una consistenza e struttura densa .

Azienda Persiani
Contrada San Martino 43
64032 Atri, Teramo

tel 0858700246
www.aziendapersiani.it
www.casadelgallo.it

 

Giampietro Comolli
Newsfood.com

Giampietro Comolli
Economista Agronomo Enologo Giornalista
Libero Docente Distretti Produttivi-Turistici

Mob +393496575297

Editorialista Newsfood.com
Economia, Food&Beverage, Gusturismo
Curatore Rubrica Discovering in libertà
Curatore Rubrica Assaggi in libertà

Redazione Newsfood.com
Contatti

 

 

Related Posts
Leave a reply