(Redazione Newsfood.com)
 Riceviamo e pubblichiamo la notizia dell’evento, segnalata dal Dr. Gino Celletti.

Caro Amico e Cultore dell’Olio
La GTB coordinatore di questo evento, a cui prenderò parte come relatore,
mi chiede di informarla e ……………

Dr Gino Celletti
www.frantoicelletti.com
www.monocultivaroliveoil.com
– Los Angeles Int.Olive Oil Competition USA
– Oil China:Capo Panel Concorso Internazionale e Direttore Marketing
Esposizione Italia
– Capo Panel Consiglio Oleicolo Internazionale Madrid
– Assaggiatore Naz.le Professionista Olio CE reg. 2568/91 ecc.
– Elenco Tecnici Oli  Extra Vergini Ministero Politiche Agricole n°
7,decr.30801 28.11.2000
– Assaggiatore Naz.le Olive da Tavola
– Delegato Lombardia OEA Organizzazione Esperti Assaggiatori
– Medaglie Oro e Argento Campionati del Mondo Los Angeles maggio 2004 vedi
sito
– Premio CEE 1991″Alta Cucina all’Olio d’Oliva” Rist.Il Frantoio Celletti
13.05.1991
– Assaggiatore Nazionale Vino ONAV
– Fondatore Seminario Veronelli 1990
 
 

“Comincia da Milano una grande promozione dell’olio calabrese”.

Mercoledì 18 novembre, h 11.00, conferenza stampa
nel Palazzo Giureconsulti della Camera di Commercio di Milano

Tra il 2009 e il 2010 Milano, Londra e Tokyo, saranno le prime tre metropoli in cui si darà vita a importanti eventi pilota dell’articolato progetto di promozione del comparto
olivicolo/oleario calabrese di qualità, con l’obiettivo di promuovere l’informazione e la conoscenza dell’olio d’oliva regionale, riconoscendone l’alto valore nell’ambito di corretti
comportamenti alimentari ma anche  il suo prezioso ruolo nell’economia locale (la produzione calabrese è seconda solo alla pugliese).
Senza dimenticare poi, la necessità e l’utilità di diffondere conoscenza e uso dell’olio d’oliva calabrese anche nella cucina e nei piatti delle altre regioni italiane.  
 
La GTB (Global Trading Bureau), Società specializzata in eventi di promozione e internazionalizzazione  in Italia e all’estero, è orgogliosa di affiancare l’Assessorato
all’Agricoltura della Regione Calabria, collaborando a dare il via ad una nuova, importante iniziativa che muove dalla consapevolezza che,  corretta informazione del consumatore e promozione
stessa, restano fattori fondamentali, decisivi, irrinunciabili per “spingere” nel mercato le produzioni di qualità.
E, parallelamente, dalla constatazione che, nello specifico, i ristoranti e i ristoratori (soprattutto se di livello) rimangono i migliori ambasciatori ed i più efficaci divulgatori dei
prodotti di qualità e della cultura alimentare di un territorio.   

In questo senso, allora, ecco il progetto strategico di GTB di costruire una rete stabile di concreti riferimenti in Italia e nel Mondo: appunto, ristoranti e ristoratori di eccellenza,
selezionati oltre che per la qualità, anche per la loro “calabresità” (cioè la peculiarità regionale che si evince in cucina, in cantina, nel menu, nell’uso dei
prodotti tipici e delle prelibatezze, olio in testa). Ristoranti e ristoratori che con passione difendono, esaltano, favoriscono e promuovono la cucina calabra.
E che sono presenti nei cinque continenti, con grandi concentrazioni e tante differenti offerte nelle classiche capitali della diaspora regionale: Zurigo, Ginevra, Francoforte, Colonia,
Bruxelles, Parigi. E oltreoceano: New York, Chicago, Toronto.     

Nella direzione di un affiancamento tecnico al forte e convinto impegno dell’Assessorato all’Agricoltura, e per una esplicazione più efficace possibile del suo ruolo di sostegno alle
produzioni e alle tipicità, questo progetto GTB incide, dunque, in primo luogo nella promozione dei prodotti calabresi di qualità e Dop/Igp. Favorendo, al contempo, la conoscenza
del territorio calabrese e delle sue eccellenze produttive e approfondendo il significato dei riconoscimenti comunitari, le valenze molteplici delle tipicità come espressione delle diverse
zone della regione, con le caratteristiche delle produzioni biologiche, ma pure con la sottolineatura dei concetti di qualità certificata, filiera e tracciabilità.

Per dare consistenza e forma a tali obiettivi, si è progettato e pianificato un programma di presentazione degli oli calabresi presso alcuni ristoranti selezionati nelle citate grandi
capitali, finalizzandolo non soltanto alla convivialità (fattore pur sempre rilevante e importante), ma a creare collegamenti reali e diretti tra produttori e consumatori, con la
prospettiva di ridurre al minimo le fasi di intermediazione. Il ristorante e il ristoratore, insomma, come luogo e testimone ideali di divulgazione delle conoscenze e dei sapori legati al consumo
dell’olio calabrese di qualità…

Si comincia, allora, nella città di Milano: realtà certamente importante per l’alta ristorazione, e in ogni caso, grande “vetrina” italiana, dove per una settimana (esattamente dal
23 al 29 novembre p.v.) gli oli extravergine di oliva di qualità calabresi saranno protagonisti di una esperienza gastronomica che vede coinvolti diversi ristoranti meneghini selezionati,
tra i quali, alcuni tra i più prestigiosi di cucina tipica calabrese.

Mercoledì 18 novembre, alle ore 11.00, nel Palazzo Giureconsulti Sala Terrazzo, della Camera di Commercio di Milano, una Conferenza Stampa presenta l’iniziativa, con un buffet di
benvenuto.

Nell’occasione: relatori, giornalisti, ristoratori e autorità si incontreranno e discuteranno delle prospettive dell’olio di oliva nel mercato italiano e internazionale in termini di 
opportunità fornite ai produttori e della preziosa collaborazione con i ristoratori , protagonisti  di un nuovo modo di interpretare la promozione della qualità e della
conoscenza delle produzioni agro-alimentari d’eccellenza di un territorio.

L’evento promozionale vero e proprio, prevede l’esibizione sui tavoli dei ristoranti milanesi, unitamente alla più tipica “Carta dei vini” ed al menù, di una “Carta degli Oli” 
che suggerisce abbinamenti e presenta le caratteristiche degli oli  rigorosamente selezionati tra i più significativi della regione: le etichette Dop e Igp; gli extravergine d’oliva e
i migliori cultivar locali (tra cui “carolea”, “ottobratica”, “pennulara”, “tondina”).

Ogni ristoratore suggerirà inoltre i suoi  abbinamenti ideali tra una tipologia d’olio e un piatto preparato per l’occasione, al fine di esaltare al meglio ogni singola
tipicità.

L’ufficio stampa GTB

Redazione Newsfood.com