L’indicazione d’origine sull’etichettatura dell’olio d’oliva è un elemento fondamentale per tutelare e valorizzare il «made in Italy» dalle contraffazioni e dall’assalto
dell’agropirateria, rappresenta la risposta ferma alle esigenze dei consumatori che chiedono trasparenza e qualità.

Per questa ragione bisogna battersi con la massima fermezza a livello comunitario per fare in modo che il provvedimento deciso dal nostro Paese non venga cancellato. E’ quanto sottolinea la
Cia-Confederazione italiana agricoltori in merito alla «messa in mora» dell’Italia da parte dell’Ue.

In pratica, questa iniziativa comunitaria costituisce la prima tappa di una procedura di infrazione contro la decisione italiana dell’obbligo di indicare l’origine etichetta per l’olio d’oliva.
E’ un’iniziativa -avverte la Cia- che bisogna contrastare proprio per valorizzare il lavoro dei nostri produttori, che puntano da anni alla qualità.

Il provvedimento italiano -afferma la Cia (che da tempo aveva sollecitato una misura in tal senso)- è importante, in quanto attraverso esso si impedisce di ingannare i consumatori
vendendo come italiano un olio ricavato, invece, da miscugli diversi e soprattutto da olive provenienti da altri Paesi, come Grecia, Tunisia e Spagna. Un fenomeno, questo, molto diffuso e che
ogni anno provoca al nostro settore olivicolo un danno superiore ai 600 milioni di euro.

Nei mercati -dice la Cia- troviamo, infatti, olio straniero sempre più in abbondanza. Oggi su tre bottiglie due sono di olio estero, ma i consumatori italiani, senza una precisa
informazione, non lo sanno e rischiano, in mancanza di un’etichetta chiara, di comprarle come prodotto nazionale.

Non è, quindi, una misura che, come sostiene la Commissione esecutiva, in contrasto con il regime della concorrenza. D’altronde, senza un’etichetta chiara e trasparente e soprattutto in
mancanza dell’indicazione di origine, per l’olio d’oliva «made in Italy», oltre al danno economico rilevante, significa avere -rimarca la Cia- pesanti ripercussioni anche per
l’immagine del nostro prodotto sui mercati mondiali.

Il nostro Paese -sottolinea la Cia- è il secondo produttore europeo di olio di oliva con una produzione che supera le 500.000 tonnellate (ricavate da 250 milioni di piante), due terzi
delle quali extravergine e con molte Dop e Igp. Da non dimenticare poi il biologico. Il tutto per un valore produttivo che si avvicina ai 2,2 miliardi di euro.