OVSE per ANSA: i dati degli Spumanti d’Italia 2015

OVSE per ANSA: i dati degli Spumanti d’Italia 2015

Comolli conosce bene il mondo del vino ma anche il settore dell’agroalimentare. Preziose le sue consulenze in Italia e sui mercati esteri; i suoi scritti sono spassionati e sinceri ma, per qualcuno, forse troppo “saccenti”. Evidentemente non è un politicante che pesa le parole in funzione di benefici personali. E’ un tecnico preparato e con tanta esperienza sul campo; uno dei pochi con le competenze adeguate e le idee ben chiare in grado di dare un prezioso contributo su cosa si dovrebbe fare per l’agroalimentare, per il settore ma soprattutto per le imprese  italiane -alla spasmosica ricerca di nuovi mercati- che stanno boccheggiando, succube di un’Europa “governata” dalle lobby.
Giuseppe Danielli
Direttore Newsfood.com

 

Spumanti Italia:  star all’estero, nel 2015 373 mln bottiglie +17%
Prosecco conquista GB, consegnate 100 milioni di bottiglie
(ANSA) – ROMA, 23 MAR – Lo spumante italiano corre all’estero: 373 milioni le bottiglie consegnate sui vari mercati e un giro d’affari al consumo nel mondo di 2,573 miliardi di euro. I dati 2015 sono resi noti all’ANSA da Ovse-Osservatorio economico dei vini effervescenti, guidato da Giampietro Comolli.
Sul totale esportato, 288 milioni sono le bottiglie targate Prosecco, veneto-friulane, pari ad un valore all’origine di circa 800 milioni di euro. Rispetto al 2014, l’export dei vini spumanti registra un +17% dei volumi e un +14% di valore al consumo nei 90 Paesi di destinazione.
Il vecchio continente – continua Ovse – nel suo insieme si conferma ancora il principale acquirente di spumanti italiani, con oltre il 65% dei volumi. L’ esportazione si concentra in tre paesi: il 34% nel Regno Unito, il 19% negli Stati Uniti, il 18% in Germania. Il Regno Unito è il primo paese importatore, con circa 100 milioni di bottiglie. Non più solo Gdo e spumanti generici: il Prosecco entra a pieno titolo in pub, circoli privati e ristoranti, e non solo italiani.
Grande sviluppo per l’e-commerce – sottolinea Ovse – ma 9 su 10 siti sono gestiti da importatori/distributori e non da aziende produttrici. In poco più di tre anni, la Francia conferma la scoperta del Prosecco, superando 1,1 milioni di bottiglie nel 2015, pari al 10% di tutti gli spumanti importati.
“Negli ultimi cinque anni – osserva Giampietro Comolli – l’Asti ha perso il 21% del mercato, mentre il Prosecco Doc è cresciuto mediamente del 21% annuo, più che raddoppiando la quota e diventando il primo landbrand al mondo per le bollicine, superando anche il generico Sekt. L’Italia è quindi primo paese produttore, con una quota del 23%, e primo paese esportatore di vini effervescenti al mondo, per il 32%. Ma il settore ha bisogno di una attenzione politica globale all’estero”.
(ANSA).

Vedi: Giampietro Comolli, spumante, bollicine…

=====================================================

banner-gazzetta-alimentareGazzetta Normativa Alimentare Web: vino, ortaggi, carne, pasta, …
Aggiornamento professionale -via email- leggi italiane ed europee per aziende, tecnologi e professionisti del settore agroalimentare

Related Posts
Leave a reply